Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

IL PROGETTO – Da autostrada a ciclovia: così rinasce la Venezia-Monaco

IL TRACCIATO – Le attuali piste base di partenza

IL PROGETTO La Provincia promuove un “bando”

Dopo 50 anni di attesa si potrà presto viaggiare tra Venezia e Monaco senza mai cambiare strada. Ma non in auto. Bensì in sella a una bicicletta. Con buona pace della defunta società per l’autostrada di Alemagna. Detto addio al sogno di costruire un’arteria per mettere in collegamento diretto la laguna e la Baviera, infatti, la Provincia ora punta a unire le due città almeno attraverso i vialini per le due ruote. Non è uno scherzo. I fondi, europei, ci sono già. E i progetti non mancano. Proprio in questi giorni il Sant’Artemio si è messo alla ricerca di imprese capaci di disegnare il miglior tracciato, per quanto riguarda il trevigiano, sfruttando al massimo la rete di piste ciclabili già esistenti. Con poche modifiche e aggiunte, sono convinti in Provincia, si potrà allestire un unico percorso per tagliare in due la Marca. Appunto verso Venezia, da una parte, e Monaco, dall’altra. Il tutto in nome del bike tourism. Che non porterà i soldi di chi è diretto verso le spiagge, ma che è sicuramente meglio di niente. Cosa verrà chiesto alle imprese?

«L’individuazione del tracciato e delle possibili varianti – scrive la Provincia – la rilevazione geografica e la mappatura del tracciato, con restituzione dei dati fruibili dai più comuni dispositivi mobili: navigatori, smartphone e tablet».

Oltre alla trasposizione del percorso su una mappa tascabile. In modo da poter lanciare la campagna promozionale. Il fondo dedicato alla fase di progettazione ammonta a circa 20 mila euro. Mentre per collegare tutti i vialini si dovrebbe poter contare su altri 345 mila euro.

L’idea di massima c’è già: la ciclovia dell’amicizia, questo il nome ufficiale, partendo dalla Germania attraverserà i territori di Innsbruk, del passo del Brennero, della Valle Isarco, di Bolzano, della Val Pusteria, Cortina d’Ampezzo e Belluno. Sino a Treviso. Dopodiché basterà la voglia di pedalare.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui