Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MIRA – Un dibattito sulle grandi opere a Mira. Questo l’appuntamento organizzato da Sel, in programma per domani alle 20,30 all’Auditorium di Oriago con don Albino Bizzotto dei Beati Costruttori di Pace, Ilario Simonaggio, segretario generale Filt Cgil Veneto e Mario Dalla Tor deputato Pdl e vice presidente della Provincia.

«Oggi sulle grandi opere», spiega il segretario di Sel a Mira Paolo Dalla Rocca, «continua a svilupparsi un ragionamento parziale che vede l’eterna e quanto mai obsoleta contrapposizione tra tutela dell’ambiente e bisogno di lavoro e sviluppo. Quale visione del futuro legittima ancora oggi le grandi opere? Siamo sicuri che ci sia veramente guadagno per tutti?

Le infrastrutture devono essere valutate nell’ambito dell’intermodalità (gomma-acqua-ferrovia), nel loro impatto di potenziale stravolgimento di un territorio. Una buona opera per noi, ad esempio, è rappresentata dalla completa messa in esercizio della Smfr che renda veramente accessibile la mobilità su rotaia vincendo la competizione con l’uso dell’auto privata e spostando flussi economici che ne sosterrebbero l’esercizio».

(a.ab.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui