Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MARTELLAGO – I residenti di via Cavino a Maerne tornano a lamentarsi col sindaco e sollecitare interventi. Da tempo coloro che abitano lungo la stradina di periferia protestano per l’inquinamento e i rumori prodotti dal Passante, che in quel tratto passa anche in sopraelevata, e dalle fabbriche dell’area industriale.

Ma negli ultimi tempi i problemi si sono aggravati in quanto tanti automobilisti e pure camionisti preferiscono imboccare la pur stretta strada per bypassare le code lungo la Provinciale 36 per i lavori di allargamento.

«Siamo tartassati e stanchi. Via Cavino è diventata un’autostrada, una scorciatoia per Mirano e Martellago, dove nessuno rispetta limiti di velocità e segnaletica. Nonostante le nostre tante segnalazioni, nulla è stato fatto e nessuno è venuto a verificare la situazione» scrivono in una lettera al sindaco alcuni residenti, che lamentano come «nulla sia cambiato circa il frastuono e l’inquinamento, con tassi elevati di Pm 10, e come nessuno abbia mai risposto alla nostra richiesta di avere ulteriori barriere fonoassorbenti sul Passante».

I residenti invitano il sindaco Monica Barbiero e gli amministratori ad «alzarsi dalle loro poltrone e venire a vedere in loco l’incubo che siamo costretti a vivere, con l’aria che puzza e il rimbombo dei mezzi che sfrecciano sulla sopraelevata del Passante e anche sulla nostra strada, che ci impedisce di dormire».

(N.Der)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui