Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Nuova Romea, pronti i blocchi.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 3 Comments

10

nov

2013

 

I comitati: «Faremo come in Val di Susa». Ricorso al Tar

«Blocchi stradali come in Val di Susa»

I comitati Opzione Zero contro l’autostrada Mestre-Orte: ricorso al Tar e manifestazioni, la prima sabato 16 sulla Romea

MIRA «Fermeremo la Romea Commerciale con azioni di protesta, se necessario bloccando anche l’attuale Romea con manifestazioni come in Val di Susa. Faremo ricorsi legali, cercheremo in tutti i modi di fermare questo mostro che divorerà il territorio veneto e che non ha alcuna ragione di esistere. Siamo pronti ad un flashmob sulla statale 309 già il 16 novembre».

È la dichiarazione di guerra che fanno i comitati Opzione Zero alla notizia che il Cipe ha approvato il progetto preliminare della Romea Commerciale. I sindaci dei Comuni della Riviera interessati ai due possibili tracciati invece si dividono. L’opera, che dovrebbe partire proprio da questo tratto, dovrebbe cominciare con la posa della prima pietra nel 2015. Per i comitati è un’opera inutile voluta dall’assessore Renato Chisso e che non serve a un bel niente, visto che i dati del traffico commerciale dal 2008 con la crisi sono crollati del 30%.

«È incredibile», spiegano per i comitati Mattia Donadel, Rebecca Ruvoletto e Lisa Causin, «come l’approvazione del progetto preliminare della Orte-Mestre arrivi proprio a pochi mesi dall’approvazione da parte della Commissione Europea del nuovo Corridoio Baltico-Adriatico, una connessione che dovrebbe mettere in relazione via ferrovia i porti dell’Alto Adriatico con il nord Europa, seguendo la linea Ravenna, Bologna, Padova, Venezia, Trieste. Un progetto per il quale sono previsti ingenti finanziamenti europei e che seppellisce definitivamente ogni marginale utilità della Romea Commerciale.

Che la Orte-Mestre faccia parte delle reti paneuropee è falso. Con l’approvazione del progetto preliminare della Orte-Mestre Zaia e Chisso si rendono corresponsabili, con il ministro Maurizio Lupi e il presidente del Consiglio Enrico Letta, non solo della devastazione ambientale di quattro regioni, ma anche di un’operazione pericolosa per i conti pubblici: oltre al miliardo e mezzo di sconto fiscale, anche gli altri 8,5 miliardi che la Gefip Holding, società proponente capitanata dall’europarlamentare del Pdl Vito Bonsignore, dovrebbe anticipare, finiranno per essere pagati dai cittadini.

Lo dimostra il fatto che ad oggi non esiste un piano economico-finanziario che attesti la sostenibilità dell’opera, e pure le stime sui flussi di traffico previste appaiono inattendibili e sovrastimati. Quindi se i pedaggi (inevitabilmente elevatissimi) non saranno in grado di garantire il rientro degli investimenti sarà lo Stato a dover restituire i soldi alle banche tassando i cittadini e tagliando servizi essenziali».

I comitati “Opzione Zero” sono pronti a dare battaglia sia con mobilitazioni popolari e azioni di disturbo che puntano a rallentare i lavori sia con azioni legali: «Opzione Zero», dice Donadel, «ha chiesto l’immediata convocazione di una riunione della Rete Nazionale Stop Orte-Mestre per coordinare le iniziative di protesta lungo il tracciato e per approntare il ricorso al Tar. Il modello di protesta a cui ci ispiriamo è quello della Val di Susa, anche se le differenze con quel territorio sono tantissime».

Alessandro Abbadir

link articolo

 

I SINDACI

No da Mira, sì Dolo e Pianiga ma niente innesto a Cazzago

CAMPAGNA LUPIA – Sindaci divisi sull’ultimo tratto del tracciato della Romea commerciale, cioè sull’innesto. I Comuni in Riviera del Brenta interessati dall’opera sono Dolo, Pianiga, Mira e poi anche il Comune di Venezia nel territorio della Municipalità di Marghera. Il sindaco di Campagna Lupia Fabio Livieri resta alla finestra: «Per la frazione di Lova sembra confermato il passaggio in tunnel, la soluzione meno impattante. Resta da capire dove si innesterà l’opera con il Passante».

A dire sì all’opera ma no all’innesto a Roncoduro, cioè a Cazzago di Pianiga passando per Dolo, sono i sindaci di Dolo Maddalena Gottardo e quello di Pianiga Massimo Calzavara: «Con il sindaco di Dolo», spiega Calzavara, «abbiamo sempre detto che si trattava di un’opera utile, ma siamo sempre stati contrari all’innesto a Roncoduro , cioè in mezzo alla Riviera del Brenta, attraverso Sambruson e poi il Naviglio. Questa ipotesi che pareva certa ora non lo sembra più, e resta in piedi anche l’altra possibilità, cioè che il tracciato corra dritto da Lughetto di Campagna Lupia fino a Marghera».

Contrario a questa soluzione e in toto alla Romea Commerciale, il Comune di Mira con il sindaco Alvise Maniero, per il quale la Romea Commerciale è un’opera inutile, servirebbe invece la messa in sicurezza dell’attuale Romea.

«Questi progetti», spiega il presidente della commissione territorio e urbanistica di Mira, Andrea Pesce, «è sotto assedio da mega progetti calati dall’alto, che producono solo distruzione del territorio e cementificazione. A questa logica diciamo no».

Promette battaglia anche Valdino Marangon, delegato ai Lavori pubblici della Municipalità di Marghera: «Se pensano di far passare l’innesto della Romea Commerciale su Giare, Oriago, Malcontenta e Marghera», dice Valdino Marangon, «la gente farà le barricate».

(a.ab.)

link articolo

 

  1. 3 Comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui