Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

È sempre la stessa storia. Praticamente ogni giorno. I treni regionali-veloci diretti a Bologna, che fermano anche a Terme Euganee, Monselice, Rovigo, Ferrara e San Pietro in Casale e partono ogni ora dalle 5.30 alle 20.12 sono presi d’assalto dai pendolari. Con grande disagio per questi ultimi, spesso costretti a viaggiare in piedi o a restare a terra.

«Ogni mattina il regionale Venezia-Bologna che arriva a Padova alle 8.12 ed è diretto Bologna, lascia giù molte persone perché Trenitalia mette a disposizione un treno Vivalto di sole 4 carrozze con un bacino di utenza che ne richiederebbe qualcuna di più» commenta amareggiato un lettore.

Tra gli utenti più assidui anche gli abbonati che devono raggiungere la Bassa: Este, Saletto, Montagnana, ma anche Legnago, sfruttando la coincidenza a Monselice. Ogni tanto capita anche che un regionale sia cancellato all’ultimo minuto per carenza di materiale rotabile o addirittura di personale viaggiante.

L’alternativa per raggiungere il capoluogo emiliano è rappresentata dalle Frecce Argento, che costano 24 euro in seconda e 33 in prima classe. Solo in alcune fasce orarie si aggiungono i treni Italo.

(f.pad.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui