Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

PUBBLICITA’  INGANNEVOLE

Il Codacons-Venezia ha presentato un esposto all’Autorità di vigilanza per “pubblicità ingannevole” contro l’Auchan. Il riferimento è a un depliant relativo alla recente inaugurazione delle nuove aree commerciali mestrine, e scaricabile anche da internet, in cui si parla della farmacia comunale.

«Ma la farmacia non c’è e non può esserci», interviene Mimmo Quaglia dal Codacons-Venezia, «perché l’iter non è ancora concluso e nessuno può darne per scontato l’esito, specie di fronte agli effetti negativi che tale apertura comporta. Il Codacons-Venezia si è qualificato per le iniziative di tutela del consumatore, attente a non lasciare che immediati vantaggi comportassero in prospettiva l’assunzione di comportamenti più dannosi. L’impegno contro l’apertura domenicale dei supermercati era proprio in questa ottica: a fronte di una comodità, non di prima necessità, si comprime la funzione della domenica come giornata per l’uomo, dopo sei giorni per il lavoro e per il mercato».

Quindi Quaglia aggiunge: «Una farmacia del Comune all’ipermercato farebbe concorrenza alle altre 14 farmacie comunali o dei privati presenti sul territorio mestrino e sarebbe una danno irreparabile a quella rete di relazione che si articola sui negozi di vicinato. Ci attendiamo un pronto intervento del Comune e dell’Ordine dei farmacisti per non consentire l’apertura di farmacie nei supermercati a difesa della rete dei negozi di vicinato, del particolare rapporto fiduciario che lega l’anziano con il farmacista, e presidiare il territorio con una professionalità strategica per il sistema sanitario».

Sulla questione sollevata dal Codacons, per il momento i vertici della catena commerciale non hanno rilasciato alcuna dichiarazione.

Simone Bianchi

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui