Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Pane fresco, ecco la legge.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

19

dic

2013

Veneto, distinzioni precise tra il prodotto giornaliero e quello surgelato

I panificatori: «Così viene premiata la nostra fatica quotidiana»

FINALMENTE REGOLE – È il commento del presidente dei panificatori veneti Gorghetto. «Si saprà da dove viene il pane»

VENEZIA – Proprio una guerra no, ma una guerriglia sì, era diventata quella sul pane fresco. Da una parte i panificatori quelli che ogni giorno impastano, fanno lievitare, mettono in forno e vendono. Dall’altra i venditori di roba surgelata, spesso arrivata da paesi stranieri.

Riconoscere le differenze? Possibile ma con i furbi che ci sono in giro anche difficile. Adesso è tutto cambiato. La Regione Veneto ha messo finalmente una distinzione netta tra pane fresco e surgelato. «È una nostra vittoria – ha detto Massimo Gorghetto, presidente regionale dei panificatori di Confcommercio Veneto – e si saprà anche da dove proviene il prodotto e dove è stato lavorato».

Una storia questa che dura almeno dal 5-6 anni e che interessa il 94 per cento degli abitanti della regione quelli che dichiarano di comprare ogni giorno pane artigianale.

Così il Consiglio regionale del Veneto ha approvato (con 23 voti a favore e 14 astenuti) nuove disposizioni che, attraverso un registro e un marchio di qualità, distinguono tra pane industriale e pane artigianale fresco prodotto e commercializzato in giornata. Spiega il relatore del provvedimento Bruno Cappon (Lega): «Regolamento, registro e marchio di qualità sono gli strumenti che la legge utilizza per regolare la concorrenza tra forni e punti vendita, tra panifici artigianali e aziende che commercializzano prodotti precotti o congelati».

Per valorizzare i panifici che sfornano prodotti tipici, espressione delle tradizioni culturali e culinarie del Veneto, si prevede l’istituzione del marchio «forno di qualità» e di un registro regionale delle specialità tipiche del Veneto.

In caso di mancato rispetto dei requisiti dell’arte panificatoria o dei relativi obblighi formativi scatteranno sanzioni variabili dai mille ai 12 mila euro, destinate a raddoppiare in caso di recidiva. Pur condividendo l’esigenza di valorizzare chi produce il vero pane fresco rispetto a chi vende pane surgelato di incerta provenienza, i rappresentanti del Pd hanno espresso riserve sulla legge.

«Non è vero che questa legge non creerà nuovi adempimenti e nuova burocrazia per i panificatori – ha rilevato Claudio Niero, correlatore di opposizione – Gli operatori ci chiedono di svolgere una vigilanza efficace sull’applicazione delle norme statali e comunitarie che già esistono. Così si rischia di creare una norma inutile che non produrrà alcun risultato, se non creare ulteriori appesantimenti alla categoria e impegnare la Regione nel difficile compito, forse impossibile, di regolamentare la tipicità dei prodotti da forno di origine veneta».

Gorghetto però non molla: «Il problema è che finora nessuno aveva tutelato noi che facciamo il pane fresco, né i consumatori, che non sanno quale sia la provenienza degli ingredienti che lo compongono. Attualmente c’è pane surgelato che arriva dalla Romania o da altri Paesi e che ha anche un anno e più di stoccaggio. Si crede di comprare pane fresco, invece… Siamo soddisfatti e ringraziamo la Regione per aver finalmente recepito le nostre proposte ponendo rimedio una situazione di disparità che ha contribuito, assieme alla crisi ovviamente, a potare le aziende venete di panificazione dalle oltre 2500 del periodo antecedente la crisi alle attuali 2300 circa».

«Un traguardo importante – aggiunge il presidente di Confcommercio Veneto Massimo Zanon – anche in difesa del Made in Italy e in particolare dei prodotti locali che vanno tutelati contro la contraffazione e a salvaguardia della qualità dei prodotti alimentari».

La parola adesso ai consumatori. Che – in un indagine regionale dove notava anche l’incremento di aziende che producevano macchinari per il pane, 120 – ammettevano di avere “un rapporto quasi erotico col pane”.

(F.G.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui