Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

La questione idrovia Padova-Venezia entra in Parlamento con un ordine del giorno firmato da tre senatrici dell’ex M5S e ora del Gap (Gruppo di azione politica). A presentare il documento tre donne, la trevisana Paola De Pin, la romana Fabiola Anitori e la genovese Adele Gambaro. L’ordine del giorno è stato presentato in Senato al momento dell’esame del disegno di legge recante “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità 2014)”. Questo il testo del documento.

«Da diversi anni è in cantiere il completamento dell’idrovia Padova-Venezia, che dovrebbe diventare un canale navigabile per il trasporto delle merci fino alla laguna e utilizzato come scolmatore per la diversione delle piene del sistema Brenta-Bacchiglione. Tale opera si inserisce a pieno titolo negli interventi previsti dal Piano morfologico per la qualità dell’ambiente e della laguna e per arrestare il degrado lagunare, previsto dalla normativa sugli «Interventi per la salvaguardia di Venezia e della sua laguna». La sua realizzazione, anche come scolmatore, si rende ormai improcrastinabile contro i rischi e le criticità da sempre presenti nell’area padovana, evidenziati dall’alluvione del novembre 2010. L’idrovia è fortemente voluta da molti cittadini del padovano, contrari alla costruzione di ulteriori strade per far transitare le merci, con il relativo carico di traffico e inquinamento. Lo studio di fattibilità degli interventi per il completamento dell’idrovia commissionati dalla Regione Veneto è ultimato dal mese di settembre scorso. Considerato che le opere di progetto possono essere realizzate attraverso finanziamenti statali nell’ambito del sistema trasportistico nazionale in quanto l’idrovia Padova-Venezia fa parte del sistema idroviario padano veneto e detto sistema è parte del Sistema Nazionale integrato dei trasporti (Snit), impegna il Governo ad intervenire al fine di reintegrare le risorse mancanti e necessarie al completamento dell’opera in premessa».

Vittorino Compagno

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui