Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

CONEGLIANO – Soppressioni dei convogli sulla linea per Padova: non si è placata nemmeno sotto le feste la protesta dei pendolari della linea Belluno-Venezia, che anzi, hanno pregato: «Liberaci dalla soppressione quotidiana».

Anche sabato scorso, nel tentativo di raggiungere Padova, diversi pendolari arrivati alle 9 alla stazione di Conegliano da Vittorio Veneto si sono scontrati con la cancellazione, senza alternative, del treno che avrebbe dovuto portarli a Mestre, con conseguente attesa in stazione di quasi due ore. E ad essere preso di mira, tramite il blog del gruppo pendolari “Il treno dei desideri”, è sempre lui, il nuovo orario cadenzato concordato da Regione e Trenitalia, entrato in vigore a metà dicembre.

I pendolari non lesinano le critiche alla distribuzione dei convogli rispetto alle fasce orarie necessarie: «Ci chiediamo: dopo l’Epifania, quando si rientrerà tutti “a pieno servizio”, come reggerà il cadenzato se già adesso fa acqua da tutte le parti?», contestano, a fronte dell’esperienza di sabato, l’ultima di una serie di testimonianze di pendolari che stigmatizzano i disservizi sulle linee ferroviarie che servono il Veneto.

«Arrivata a Conegliano scendo per il primo cambio al quale ci siamo volenti o nolenti abituati. Ma con sorpresa al binario due non c’è il treno, è stato soppresso. Penso che senz’altro metteranno una scomoda corriera sostitutiva: non possono lasciare un buco orario di circa un’ora e venti minuti», racconta una pendolare, «Con altri passeggeri ci rivolgiamo alla biglietteria: non è prevista nessuna corriera, nessuno l’ha programmata perché, come dice il bigliettaio, il treno si è rotto e per questo la corsa non è stata effettuata».

E la conclusione da tirare, per i viaggiatori abituali del treno, è sempre la stessa: «Ennesima conferma che l’orario cadenzato e la “rottura di carico” a Conegliano hanno creato più problemi che risolverne e che questi, dopo quasi un mese dall’entrata in vigore del nuovo orario, sono quasi tutti là, belli irrisolti».

Alberto Della Giustina

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui