Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Tribuna di Treviso – “Campilonghi, un modello da seguire”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

14

gen

2014

La senatrice Puppato plaude al progetto anti-cave delle 34 famiglie montebellunesi e lo vuole all’Expo

MONTEBELLUNA – Plauso dal mondo politico all’iniziativa delle 34 famiglie del Gast Campilonghi che hanno acquistato 3 ettari per fare agricoltura biologica e attività didattica. La senatrice Laura Puppato propone che quanto stanno facendo le 34 famiglie diventi uno dei temi di Expo 2015 e suggerisce ai ministeri competenti di premiare questa iniziativa. Plauso anche dall’eurodeputato Andrea Zanoni.

«Sto seguendo con grande interesse e ammirazione il progetto Gast Campilonghi e sono grata alle famiglie che si sono imbarcate in questa avventura, un esempio unico in Italia», dichiara la senatrice Laura Puppato, «È un nuovo modello associativo, che fa della cooperazione a scopi di salvaguardia ambientale e produzione agricola una realtà con un ruolo centrale nella società, attenta allo sviluppo armonico, che non veda nel territorio una preda da sbranare, ma una risorsa da amare e promuovere. Ancora una volta emerge la vocazione di Montebelluna alla ricerca di soluzioni alternative in grado associare imprenditoria, sviluppo sostenibile e attività sociale. Mi auguro che presto questo esempio pionieristico venga imitato in altre realtà venete e italiane e che possa entrare anche tra i temi in agenda in vista dell’Expo 2015. È un modello che, se tutelato, può garantire un circolo virtuoso tra nutrizione, salute, imprenditoria, educazione e rispetto del territorio, aspetti fondamentali per far ripartire la crescita economica sulle basi di un nuovo paradigma di sostenibilità. Continuerò a seguire da vicino il progetto e o intendo portarlo all’evidenza nazionale per le implicazioni positive che porta con sè».

«Voglio fare i miei complimenti a questi cittadini che sono riusciti a lanciare un segnale forte di tutela, amore e salvaguardia del proprio territorio», commenta l’eurodeputato Andrea Zanoni, «Spero che altri Comuni seguano questo innovativo esempio».

(e. f.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui