Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

SALZANO – La stazione di Salzano è scomparsa. Questo il grido d’allarme che lanciano i pendolari della stazione Salzano-Robegano dopo l’entrata in vigore dell’orario cadenzato. Gli utenti della zona sono stati tra i più penalizzati, con una frequenza di convogli, soprattutto verso Venezia, che è stata ridotta. E il loro disagio lo vogliono rendere pubblico attraverso un foglio, affisso all’interno della stazione, dove chiedono di far conoscere i disservizi.

«A pochi giorni dal suo avvio», si legge, «invece dei tanto sbandierati miglioramenti, si scopre che la stazione di Salzano-Robegano è scomparsa e noi veniamo considerati pendolari di serie B, pur pagando lo stesso abbonamento di Noale. Fai qualcosa anche tu per far cambiare l’orario cadenzato».

L’invito rivolto ai passeggeri, è quello di mandare una e-mail agli indirizzi di posta nuovorariocadenzato@venetotreno.it, oppure a quello realizzato ad hoc in comune pendolarisalzanorobegano@gmail.com. Gli stessi utenti, poco prima di Natale, avevano organizzato un’assemblea in municipio, dove avevano snocciolato tutti i problemi per chi doveva andare al lavoro o a scuola. Tra i disagi emersi, i regionali che verso Venezia Santa Lucia non partono prima delle 6, mentre dopo le 20.30, da Venezia, non ci sono più corse.

Altri problema sono i convogli pieni, le coincidenze da prendere e che non sempre vengono rispettate, la mancanza di treni nel fine settimana, che penalizza chi deve andare al lavoro e non ha altri mezzi di trasporto.

(a.rag.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui