Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Provincia e comune hanno siglato il Piano di assetto territoriale

MARCON – È stato sottoscritto ieri mattina nella sede della Provincia dal vice presidente e assessore all’urbanistica Mario Dalla Tor e dal sindaco Andrea Follini, il verbale della conferenza dei servizi che ha comportato l’approvazione del Pat (piano di assetto del territorio) comunale.

«Tra i tratti salienti di questo Pat la tutela del paesaggio dell’ambiente e delle aree verdi, in particolare l’oasi di Gaggio, recentemente dichiarata riserva naturalistica», spiega Dalla Tor. Che prosegue: «Le scelte del Pat di Marcon sono coerenti con le linee guida già indicate nel Manifesto delle azioni condiviso con le realtà locali per una strategia di riqualificazione urbanistica che vada di pari passo con la tutela dell’ambiente». Chiarisce: «Anche Marcon, come altri comuni nel territorio provinciale, si sta dotando di uno strumento di pianificazione fondamentale per uno sviluppo in armonia con i principi di tutela e sostenibilità ambientale. Tra gli obiettivi principali, c’è anche quello di favorire gli interventi possibili per la diffusione di una mobilità alternativa». Chiosa: «Grazie ad un lavoro svolto in sinergia con gli enti competenti, le esigenze di qualità urbanistica e ambientale sono state valutate come priorità». «Oggi abbiamo tagliato un traguardo importante», commenta il sindaco Follini, «dopo un lungo percorso per la definizione del Pat. Questo strumento di pianificazione pone grande attenzione all’ambiente e alla salvaguardia del territorio. Dopo il tempo necessario per la pubblicazione degli atti, partiremo con l’elaborazione del piano degli interventi».

(m.a.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui