Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

CAMPOLONGO. L’attività del Comitato Intercomunale Brenta Sicuro continuerà in modo sempre più massiccio anche quest’anno. A spiegarlo è il coordinatore del gruppo Marino Zamboni che nelle scorse settimane ha raccolto oltre 500 firme in una petizione che chiede il completamento dell’idrovia Padova Venezia.

Primo appuntamento domani alle 20,50 nella sede del Gruppo archeologico Mino Meduaco di via Lova a Santa Maria Assunta di Campolongo.

Fra le iniziative in programma c’è una nuova grande manifestazione in prevista a marzo per ottenere che sia realizzato il canale idoviario fermo da circa 50 anni.

«Serve – spiega Zamboni – una nuova manifestazione, la mobilitazione per la raccolta di firme on line, e gli incontri con le diverse amministrazioni locali per riuscire a portare avanti il progetto di messa in sicurezza del Brenta con importanti investimenti regionali».

I comitati chiederanno anche un incontro con il sindaco di Mira Alvise Maniero, l’unico che finora ha detto no all’idrovia.

(a.ab.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui