Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Sanita’. Modello veneto da salvaguardare.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

23

gen

2014

Appello dei professori di psichiatria a Zaia, oggi incontro a Mestre

Il collegio regionale di clinici e professori di psichiatria ha scritto una lettera al governatore Zaia e all’assessore alla Sanità Coletto nel quale si chiede il mantenimento e la salvaguardia del modello veneto di assistenza al malato. Una continuità tra assistenza ospedaliera e territoriale, che ha fatto della nostra regione un esempio, ma che ora sarebbe a grosso rischio per i tagli lineari che sono stati praticati al settore psichiatrico. Per tenere in piedi il modello, infatti, un primario gestiva un’area con una popolazione massima di 150 mila abitanti, potendo tenere sotto controllo con i propri collaboratori tutti i passaggi delle cure da ospedale a territorio, partendo dai letti di reparto fino al centro salute mentale e le altre strutture di assistenza e cura dei malati. Una direzione clinica che, alla luce dei tagli, potrebbe scricchiolare, con un primario, come nel caso di Dolo e Mirano, che da solo si trova a confrontarsi con una popolazione quasi doppia sul territorio di competenza e molti meno collaboratori. Il decreto Balduzzi, inoltre, che già ha portato ai tagli lineari, rischia di impoverire ulteriormente una attività fondamentale per il territorio e i cittadini che ne possono avere bisogno. Senza contare che i Serd rischiano, secondo gli psichiatri del collegio veneto, di fare la fine di un semplice servizio di sportello. A tutto questo si aggiunge il pensiero di terzializzare al privato sociale determinati servizi. Tutti argomenti che verranno affrontati anche domani a Mestre nella sede dell’Ordine dei Medici di via Mestrina, dove sono attesi tra gli altri il dottor Fabrizio Ramacciotti, primario a Venezia, e il coordinatore del collegio veneto, il dottor Claudio Busana che ha firmato la lettera inviata a Zaia.

Simone Bianchi

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui