Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

ORSONI «Decreti difformi da quanto venne deciso in sede romana»

SALVAGUARDIA – La giunta andrà al Tar contro due provvedimenti della Guardia Costiera

A muso duro contro la Capitaneria di Porto. Il Comune ha deciso di opporsi alla decisione prese dalla Guardia costiera sulle grandi navi, e in particolar modo, sul canale Contorta-Sant’Angelo. Insomma, Ca’ Farsetti ha deciso di fare la voce grossa e di puntare i piedi.

Così, ieri durante la giunta comunale, su proposta del sindaco Giorgio Orsoni, ha deciso di dare avvio a due ricorsi, entrambi davanti al Tar, contro l’ordinanza della Capitaneria di Porto (numero 153/2013) sulla disciplina del traffico crocieristico in laguna, che stabilisce in 708 il numero massimo di transiti nel Bacino di San Marco e nel canale della Giudecca, di navi passeggeri di stazza lorda superiore a 40 mila tonnellate per l’anno 2014; che negli ormeggi della Marittima è vietato lo stazionamento contemporaneo diurno di un numero superiore a cinque navi passeggeri di stazza lorda superiore a 40 mila tonnellate; che dal 5 aprile 2014, fatti salvi eventuali casi di forza maggiore, è vietato il transito in Bacino e nel canale della Giudecca di navi traghetto e infine che per il 2015 è vietato il transito in Bacino e nel Canale della Giudecca a navi passeggeri di stazza lorda superiore a 96 mila tonnellate.

«Il ricorso – chiarisce una nota del Comune – è giustificato dal fatto che l’ordinanza ha individuato una soglia di riduzione minore di quanto atteso a seguito delle determinazioni prese nell’incontro fatto con il governo a Palazzo Chigi il 5 novembre scorso».

In pratica, secondo Ca’ Farsetti vi sarebbero delle evidenti discrepanze tra l’ordinanza e quello che venne deciso in sede romana da governo e enti locali coinvolti.

Ma non solo. Il Comune ha deciso anche un secondo ricorso, questa volta contro il decreto (472/2013), sempre della Capitaneria di Porto, sull’individuazione dello scavo del canale Contorta-Sant’Angelo come unica soluzione alternativa al transito delle grandi navi lungo il canale della Giudecca.

«Tenuto conto che il consiglio comunale – ha ribadito il sindaco Orsoni – che andava effettuata una valutazione comparativa tra più soluzioni possibili e valutato che siamo ancora in attesa di una convocazione del Comitatone, ci tengo a sottolineare che i provvedimenti non prestano fede alle intese raggiunte a Palazzo Chigi e ai dispacci del Ministero competente. Si vorrebbe altresì decidere a priori che l’unica soluzione alternativa al passaggio delle grandi navi per il Bacino di San Marco sia lo scavo del Canale Sant’Angelo-Contorta, ma a Roma, in sede governativa, si era stabilito che le ipotesi dovessero avere pari dignità e dovessero essere vagliate e verificate tutte con eguale attenzione».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui