Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

IL CASO – Il passaggio a livello di via Piave rimane chiuso e il sindaco sbotta: «Sottopasso necessario»

Ieri pomeriggio oltre mezz’ora di disagi per gli automobilisti, peggio è andata ai pendolari in attesa

Oltre mezz’ora di disagi per gli automobilisti, almeno due ore per i pendolari dei treni. Quando, alle 13,20 di ieri, il locomotore di un treno diretto a Belluno si è fermato, a sbarre abbassate, proprio sopra il passaggio a livello di via Piave, è cominciato il caos. Per gli automobilisti e per i pendolari. I primi si sono trovati in coda, bloccati da quelle sbarre che non volevano assolutamente rialzarsi e che sono rimaste abbassate fino alle 14. I secondi hanno atteso invano, sulla pensilina, di prendere un treno irrimediabilmente bloccato. Sono state subito attivate le procedure per riportare in stazione il mezzo liberando il passaggio: è stato necessario ricorrere ad un altro locomotore che lo trainasse. Nel frattempo, però, i minuti passavano e la coda si allungava. È entrata quindi in azione la Polizia municipale, che, per fortuna, era stata posizionata nella zona allo scopo di controllare i passaggi irregolari con il semaforo rosso e tener d’occhio studenti e auto in un’ora di punta. «Una pattuglia -spiega il comandante Domenico Favero- all’altezza del negozio “Quello giusto” ha fatto defluire le auto verso nord; una seconda, dalla parte opposta, ha deviato le auto da piazza quattro novembre sulle laterali. Il tutto è durato oltre mezz’ora».

Ma è andata molto peggio a chi doveva prendere il treno. «Un nostro agente, che abita a Belluno e si avvale del servizio ferroviario, alle 15.15 era ancora in attesa di partire». E il sindaco Marzio Favero sbotta: «L’accaduto conferma l’opportunità della mia segnalazione alla Regione: ho detto che le sbarre restano abbassate troppo a lungo, vanificando i nostri tentativi di snellire e alleggerire il traffico. Ciò dimostra però anche un altro aspetto: il sottopasso ferroviario è più che mai necessario». Sui tempi precisa: «La Regione ha annunciato l’avvio del cantiere per la Pedemontana. Auspico che a fine anno possa essere avviato quello per il sottopasso». Nella speranza che, nel frattempo, si metta mano anche alla qualità dei convogli.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui