Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Venezia. Bufera sul tram a San Basilio

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

7

feb

2014

LA DENUNCIA  «La lobby delle crociere ha suoi uomini anche in giunta»

COMUNE – Beppe Caccia e Sebastiano Bonzio attaccano il documento firmato dal sindaco

Il tram a San Basilio «Accordo inaccettabile»

C’è aria di fronda nell’ala più a sinistra del Consiglio comunale. I gruppi “In Comune” e “Federazione della Sinistra” denunciano l’accordo di programma stipulato venerdì tra Comune e Autorità portuale, giudicandolo gravemente sbilanciato a favore del porto rispetto alla prima stesura, sottoposta all’attenzione del Consiglio comunale nel gennaio 2013. Con quel voto, il sindaco Giorgio Orsoni ha ottenuto il mandato ad andare avanti e firmare, ma per i consiglieri Beppe Caccia e Sebastiano Bonzio questo nuovo accordo è una fregatura per Ca’ Farsetti.

«Il tram – attacca Caccia – è il cavallo di Troia per ribadire la destinazione portuale di San Basilio e della Marittima contro la volontà espressa dal Consiglio con la variante al Piano regolatore vigente e il Pat. Evidentemente esiste una lobby di interessi – continua – che ha suoi uomini in giunta e anche in maggioranza».

Anche Bonzio non va giù leggero: «Al voto di gennaio 2013 mi astenni perché volevo vedere la stesura definitiva. Per quanto mi riguarda non c’è la possibilità di dare la fiducia ad un testo simile e se rimane così per me questa maggioranza è finita. Si torna indietro di 10 anni, perdendo tutte le conquiste della città a partire dall’abbattimento delle mura portuali. Non si può firmare una roba del genere».

Ma cosa è cambiato rispetto al testo precedente, da far imbufalire questi due esponenti della maggioranza?

«Il Porto vuol cancellare ogni riferimento al Prg e al Pat – spiega Caccia – dove si parla di grandi navi, il parcheggio multipiano diventa a raso e servirà solo per spostare i posti auto che dovranno essere liberati a San Basilio. La quota “fino al 30 %” dei posti eccedenti il bisogno è una barzelletta: non ci saranno posti per residenti».

«In cambio di modifiche sostanziali dell’accordo – gli fa eco Bonzio – il Comune ci perderà anche sul piano finanziario, perché sarà il Comune a realizzare il tram direttamente e poi perché è stato aumentato il canone di concessione da 150mila a 200mila euro l’anno. Per far passare il tram in un’area che avrebbe dovuto essere sdemanializzata da tempo».

Claudio Borghello, capogruppo del Pd, smorza i toni: «Il sindaco ha spiegato a tutti i capigruppo i termini dell’accordo e francamente non mi pare che sia così penalizzante».

Michele Fullin

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui