Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

 

Raccolte nel mondo centomila firme per contestare l’uso dell’olio di palma

Servirà per la riconversione “green” della raffineria e dell’impianto di Versalis

MARGHERA – Eni respinge gli attacchi di alcuni gruppi ambientalisti che l’accusano di voler «importare da Indonesia e Malesia olio ricavato dalle monocolture di palma che distruggono le foreste tropicali del sud est asiatico, dove vivono anche gli ultimi oranghi, per alimentare la grande raffineria di biodiesel a Marghera».

L’accusa, sostenuta dall’ong “Salviamo la foresta” di Amburgo e altre associazioni con sede in Indonesia, Borneo e Malesia che hanno raccolto fino ad ora oltre 100 mila firme sotto un’apposita petizione, viene respinta da Eni che accusa queste associazioni di «scarsa informazione» e ribatte – per bocca di Giacomo Rispoli, direttore Ricerca e Sviluppo tecnologico di Eni Refining & Marketing – che, in realtà, con la nuova bioraffineria «non solo si ridurranno tra il 30 e il 40 per cento le emissioni in atmosfera rispetto alle attuali, ma si utilizzerà solo olio di palma da coltivazioni sostenibili certificate dall’Unione Europea con l’obbiettivo, nel giro di pochi anni, di sostituirlo con l’utilizzo di oli vegetali di seconda e terza generazione, ricavati da scarti alimentari e agricoli o dalla cultura di microalghe che sono già in fase di avanzata sperimentazione nella raffineria Eni di Gela, in Sicilia».

La svolta “green” dell’Eni prevede che entro i prossimi due mesi riaprirà a Porto Marghera la raffineria dell’Eni (la prima ad essere costruita in Italia nel 1926 e ora riconvertita) ed entro il 2017 entrerà in funzione anche un nuovo impianto di Versalis (sempre del gruppo Eni) a produrre e lavorare oli vegetali – in joint venture con l’americana Elevance Renewable Science – con la nuovissima tecnologia world-scale per la produzione di bio-intermedi chimici destinati a settori applicativi ad alto valore aggiunto quali detergenti, bio-lubrificanti e prodotti chimici per l’industria petrolifera.

«Il biodiesel che sarà prodotto a partire dalla prossima primavera nella raffineria veneziana», spiega l’ingegnere Rispoli, «ha un elevato potere calorifico rispetto a quello del tradizionale Fame» e permetterà così ad Eni di ridurre i quantitativi di biofuel che usa attualmente come additivo nei carburanti convenzionali fossili. ll biodiesel sarà inizialmente prodotto da oli vegetali, in particolare nella prima fase (aprile 2014-fine 2015) da olio di palma certificato secondo le norme volontarie, approvate dalla Commissione europea che vietano la coltivazione della palma da olio in zone di alta biodiversità come le aree ricoperte da foresta primaria nel Sudest asiatico».

La produzione della bioraffineria veneziana «coprirà il 50% del fabbisogno di diesel del gruppo Eni e la sua rete di distributori entrerà in funzione con una produzione di 300mila tonnellate annue che diventeranno 500mila a regime nel 2015».

Tutto ciò sarà «fatto in sintonia con la normativa europea, Renewable Energy Directive, che prevede l’additivazione del 10% di potere calorifico bio nei carburanti, attraverso bio etanolo e bio diesel, entro il 2020 in modo di ridurre le emissioni di Co2 nell’ambiente».

«La chimica da fonti rinnovabili come gli oli vegetali avrà un ruolo centrale nel nuovo approccio industriale e commerciale», ha spiegato Daniele Ferrari, amministratore delegato di Versalis spa. «La bioraffineria e l’accordo con Elevance rafforzeranno ulteriormente la nostra capacità di crescere nell’innovazione verde, favorendo anche la trasformazione di un stabilimento petrolchimico in un sito sempre più competitivo e sostenibile».

Gianni Favarato

link articolo

 

I sindacati esultano «Con la biochimica torna lo sviluppo»

I sindacati dei lavoratori chimici tirano, finalmente, un sospiro di sollievo e parlano di una nuova fase di sviluppo del Petrolchimico all’insegna delle produzioni “green”. Prima la riconversione della raffineriadell’Eni, costata 100 milioni di euro e che entro i prossimi due mesi comincerà a produrre a Porto Marghera biodiesel, poi – nei giorni scorsi – l’annuncio della costruzione di un nuovo impianto da 200 milioni a Porto Marghera della controllata Versalis spa per produrre, in accordo con la Società Elevance Renewable Science, biointermedi chimici.

Con grande soddisfazione le segreteria nazionali di Filctem-Cgil, Femca- Cisl, Uiltec- Uil scrivono in un comunicato unitario: «Dopo Porto Torres e Priolo, anche Porto Marghera rientra nel novero degli stabilimenti e delle produzioni strategiche per il nostro Paese e dopo anni di dismissioni, di perdita di posti di lavoro e di difficoltà di rilancio del polo industriale veneziano, un percorso positivo ci auguriamo possa fare da traino anche per altre iniziative imprenditoriali per continuare a fare chimica, nel rispetto dell’ambiente e continuare a creare sviluppo e occupazione».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui