Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

TRENI E MOBILITÀ – Pendolari contro palazzo Balbi. Oggi sit-in davanti alla stazione

Si farà sentire stamane la protesta di Pendolari e Legambiente contro la Regione Veneto. Stanchi di non essere ascoltati dall’assessore regionale alla Mobilità Renato Chisso i Comitati del Veneto Orientale e di Quarto d’Altino promuovono un sit-in a partire dalle 10 nella stazione di Santa Lucia. Alla manifestazione hanno aderito i comitati dei Pendolari di Salzano e Robegano, Mogliano, Trenitardo, Treno dei Desideri mentre è attesa la partecipazione di altre associazioni e portatori di interessi nel comparto del trasporto pubblico.

In contemporanea nella sala San Leonardo a Cannaregio, Legambiente Veneto promuove la costituzione degli “Stati Generali dei Pendolari Veneti” con tutti i comitati e le associazioni interessate. Tale incontro determina un primo passo per l’istituzione di un tavolo permanente sulla mobilità che coinvolga i cittadini che si spostano per lavoro e studio e consenta un confronto con esperti e amministratori che finora è mancato.

Alla creazione degli Stati generali dei pendolari passati da 150 a 160 mila in Veneto lo scorso anno, sono stati invitati tutti i sindaci della tratta Venezia- Portogruaro ed enti pubblici come la Provincia e la stessa Regione Veneto.

La manifestazione odierna è il momento centrale di un febbraio “caldo”, iniziato con la denuncia alla magistratura per le violazioni ai diritti alla mobilità, al trasporto universale e all’informazione da parte della Regione. Oltre al ripristino delle corse eliminate con l’orario cadenzato, le richieste dei pendolari vertono sulla necessità di integrare il trasporto pubblico tra ferro e gomma, il biglietto unico, la mobilità sostenibile e una verifica costante degli investimenti regionali.

Continua anche la campagna di segnalazione dei disguidi, Comitati e Legambiente invitano tutti i passeggeri a segnalare le difficoltà incontrate nella sezione Veneto del sito di Trenitalia e dei pendolari www.facebook.com/comitatopendolarivo.

Davide De Bortoli

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui