Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

CAOS TRASPORTI

Disagi per chi va in treno a Venezia: «Convogli vecchi e sporchi» 

VITTORIO VENETO – Disagi per chi va in treno a Venezia durante il Carnevale, i pendolari vittoriesi protestano: si sentono defraudati dei mezzi per andare a lavoro in favore delle feste in maschera.

«A Carnevale ogni scherzo vale» ironizzano, e anche tra i coriandoli chiedono la possibilità di ricontrattare l’orario cadenzato che è stato varato dalla Regione ad inizio anno.

«Riteniamo, come pendolari, di avere gli stessi diritti di chi ha deciso di andare al Carnevale in treno, e di aver già adeguatamente pagato per una qualità del servizio che in questi giorni non solo non viene migliorata ma addirittura è peggiorata» scrivono sul loro blog.

Non sembrano dunque andate a buon fine le trattative che hanno visto l’assessore regionale alla mobilità Renato Chisso contrattare gli orari tra le parti, ascoltando anche i comitati pendolari del Veneto.

Dal loro blog online gli utenti regolari vittoriesi dei treni che viaggiano tra Belluno e Venezia, protestano: «In questi giorni di festività carnevalesche sulla tratta Venezia-Conegliano, al posto dei già scomodi, ma almeno moderni, Taf o Vivalto, sono state messe in servizio le vecchissime carrozze a due piani. Si tratta di materiali di stravecchia concezione, evidentemente di risulta o di emergenza, inoltre messi in servizio senza che siano stati adeguatamente puliti o riparati. Ci chiediamo se l’oggettiva diminuzione della qualità del servizio a cui assistiamo in questi giorni non sia dovuta proprio alla messa a disposizione dei materiali più recenti all’evento lagunare secondo la regola del “chi paga di più ha più diritto degli altri”».

(a.d.g.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui