Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Pedaggi-beffa, si muove il Ministero

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

27

feb

2014

IL CASO – Dopo la denuncia del Gazzettino sugli “sconti inesistenti”, Roma tenta di trovare una via d’uscita

Telefoni bollenti ad Autovie per chiedere chiarimenti. Ecco i tratti dove il ribassso tariffario è garantito

PREVISIONI – Le nuove tariffe non incideranno sul bilancio

MODIFICHE – Si sta cercando di arrotondare i km

Sul sito web di telepass le indicazioni per poter chiedere la riduzione del pedaggio

TRIESTE – Il Ministero delle Infrastrutture promette un tentativo di rimediare alla beffa ai danni dei pendolari autostradali. A Roma hanno scoperto ieri mattina, leggendo il Gazzettino, che nei chilometri delle tratte alle quali applicare lo sconto vanno inclusi anche quelli soggetti a pedaggi virtuali (tratti gestiti dalla stessa società oltre il casello di esazione). Ma siccome il Ministero stesso ha fissato un tetto di 50 chilometri perché gli sconti siano fruibili, molti pendolari scoprono di non aver diritto ad alcuna riduzione di tariffa. Esempio classico in Friuli Venezia Giulia: da Udine Sud a Trieste Lisert.

Nelle medesime ore in cui ieri nella capitale le concessionarie autostradali d’Italia sottoscrivevano la convenzione con il Governo che introduce gli sconti-pendolari dal primo febbraio scorso, a Trieste e Palmanova i telefoni di Autovie venete bollivano di chiamate. Affollamenti inusuali anche ai Centro assistenza clienti della società concessionaria.

Tuttavia quasi tutti gli utenti chiedevano informazioni, mentre soltanto 25 “valorosi” hanno manifestato il risoluto intento di registrarsi subito sul sito telepass.it (link anche su autovie.it) per dotarsi del necessario dispositivo e conseguire lo sconto, che va da un minimo del 10% (da almeno 10 viaggi di andata e ritorno sulla medesima tratta a un massimo di 20). Il fenomeno dimostra l’incertezza e spesso la diffidenza dei pendolari ad accedere al beneficio. Le cose, insomma, non si vedono chiare come dovrebbero.

Molti hanno ben presente la distanza effettiva fra un casello e l’altro del loro usuale tragitto, ma sul sito di Telepass hanno scoperto che l’itinerario risultava arcanamente “allungato”. Colpa proprio dei tratti sottoposti a pedaggi virtuali.

Per tentare di aiutare l’utenza, in ogni modo, ieri Autovie venete ha diffuso una tabellina contenente tutte le tratte della propria rete soggette a sconto. Chi non vi ritrova il proprio abituale tragitto, deve considerarsi fuori gioco. Almeno per il momento.

Difatti la beffa scoperta dal Gruppo regionale del Movimento 5 Stelle e da noi riferita potrebbe non avere le gambe lunghe, come si diceva. Si sta cercando, almeno, di “arrotondare” le distanze chilometriche che eccedono di poco o pochissimo il limite dei 50 chilometri, che per inciso nel caso della tratta Udine-Trieste è di un solo chilometro.

Previsioni puntuali risultano impossibili, ma i tecnici autostradali rimangono convinti che l’impatto finanziario di tali sconti non inciderà sugli equilibri di bilancio. Ciò dimostra indirettamente che l’operazione non dovrebbe sortire straordinari impatti sociali.

Altro paio di maniche per il mancato aumento pieno dei pedaggi stabilito dal Governo dal primo gennaio: in questo caso Autovie ha subito un’alterazione di quanto scritto a contratto con lo Stato (oltre 5 punti percentuali in meno del piano finanziario per la terza corsia A4), che abbassando la base di calcolo si ripercuoterà anche sugli aumenti effettivi degli anni a venire.

Due le contropartite sul tavolo: una si sta già manifestando ed è l’incoraggiante ripresa del traffico. L’altra è una vigorosa proroga della concessione per rendere bancabile il finanziamento dei lavori. E questo è un sì che deve venire proprio dal Governo.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui