Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Cavarzere. Impianto biogas nuova domanda.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

28

feb

2014

CAVARZERE – La Martinelle energia srl ha ripresentato la domanda di autorizzazione per l’impianto a biogas di Revoltante. La conferma ufficiale del nuovo iter intrapreso dall’azienda è arrivata in municipio martedì ma porta la data del 13 febbraio.

In altre parole la nuova richiesta di Via, rivolta all’Ufficio regionale tutela atmosfera e non più alla Segreteria regionale ambiente, era già pronta il 14 gennaio, quando la stessa Martinelle energia aveva informato il Comune del cambio in corsa della procedura tra un ufficio e l’altro delle Regione.

Nei giorni successivi il sindaco, Henri Tommasi, aveva detto che mancava al Comune la conferma ufficiale di questo «cambio».

E la conferma è ora arrivata. Dunque la società non ha affatto rinunciato (come era facilmente pensabile) a realizzare il suo obiettivo: ha solo cambiato strada, ma il perché rimane un mistero. Per il momento va osservato che la nuova istanza parla di «modifica» dell’impianti esistente e non più di «modifica non sostanziale». Ma cosa questo significhi in concreto è tutto da capire, almeno per i profani della materia.

Comunque i Comitati ambientalisti sono al lavoro per sviscerare tutti i presunti segreti di questo impianto, a cominciare dall’iter autorizzativo finora seguito, comprese le prescrizioni che erano state dettate dalla Regione al momento dell’entrata in esercizio.

Intanto c’è movimento anche sul fronte politico: il Consiglio comunale aperto chiesto dai cittadini e da vari esponenti politici non è ancora stato fissato e, di fronte a questo ritardo, alcuni consiglieri hanno raccolto le firme per autoconvocare il consiglio. E qui c’è qualche sorpresa. La richiesta, infatti, è stata firmata da Renato Belloni (Civica), da Clara Padoan e Ernesto Sartori (Lega Nord), e da Marzia Tasso e Cinzia Frezzato (Pd). Tutti oppositori (o critici, se si vuol fare un distinguo per la Tasso) della maggioranza, eccetto Cinzia Frezzato, che sembra spazientita per le esitazioni della giunta che, pure, sostiene. Altra stranezza le assenze del resto dell’opposizione: mancano le firme di Giacomo Busatto (Lega) ma, soprattutto, quelle del Pdl-Forza Italia: Riccardo Tosello (dichiaratosi contrarissimo all’impianto), l’ex sindaco Pier Luigi Parisotto e Amedeo Bernello, titolare del terreno dove sorge quello attuale.

(d.deg.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui