Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Grandi navi, Vtp alla battaglia mediatica.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

28

feb

2014

L’INIZIATIVA

Trevisanato lancia un’offensiva pubblicitaria per difendere le ragioni della crocieristica 

Un’offensiva pubblicitaria. Con pagine a pagamento sui giornali. Per spiegare le ragioni della croceristica e il «sì» alle grandi navi. La annuncia il presidente di Venezia terminal passeggeri Sandro Trevisanato. «Vogliamo che la gente sappia», dice, «se nel 2015 scattano i divieti imposti dalla Capitaneria di porto per noi sarà il disastro, perderemo posti di lavoro». Un’opinione esattamente opposta a quella del Comune, che ha presentato ricorso al Tar contro gli stessi provvedimenti, ritenendoli «troppo morbidi». Ma Vtp insiste. E in attesa delle decisioni del governo annuncia un martellamento mediatico per «ristabilire la verità». Una tesi di cui molti sostenitori delle crociere sono convinti. In questi giorni è uscito un libretto, pubblicato dalla Marsilio con prefazione di Cesare De Michelis. «Ecco cosa si nasconde dietro la battaglia navale in corso a Venezia» il sottotitolo: «In questo libro tutti i retroscena di una sapiente opera di disinformazione».

Molti dei personaggi citati nel libro – tra cui il sindaco, senatori e politici, esperti, esponenti dei comitati, giornalisti – non l’hanno presa bene.

«Se c’è qualcuno che ha manipolato la verità», ribattono i comitati, «non siamo certo noi».

Una ricostruzione di parte, firmata dall’economista Bruno Bernardi, dall’avvocato Antonio Forza e dallo psicologo Rino Rumiati. Che sicuramente non contribuirà, come auspicato in premessa, a una «riflessione meno ideologica».

Fronti contrapposti, che invece di dialogare avanzano proposte contrastanti. Il canale Contorta per l’Autorità portuale è l’unica soluzione, la «Tangenziale» dietro la Giudecca per la Vtp. Le navi a San Nicolò davanti al Mose per i grillini e Cesare De Piccoli, Marghera per il sindaco Orsoni. Alternative che adesso il governo dovrà valutare entro 120 giorni come stabilito dal Senato il 6 febbraio scorso.

(a.v.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui