Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

L’innalzamento dei livelli del mare minaccia i patrimoni mondiali dell’Unesco e città come Napoli e Venezia. L’ennesimo allarme arriva questa volta da Londra, con un nuovo studio pubblicato sulla rivista Environmental Research Letters che ha calcolato l’impatto futuro di temperature elevate e oceani in rapida salita su settecentoventi siti attualmente inseriti nella lista dell’Unesco.

La Statua della Libertà, l’Independence Hall, la Tower of London, l’abbazia di Westminster e la Sydney Opera House sono tra i 136 siti che saranno gravemente compromessi se il riscaldamento globale non si fermerà e le temperature saliranno di 3 gradi Celsius rispetto ai livelli pre-industriali nei prossimi duemila anni, uno scenario probabile e non particolarmente estremo, secondo i ricercatori coordinati da Ben Marzeion della University of Innsbruck.

A subire effetti devastanti saranno anche i centri di città come Napoli, Venezia, Bruges, Riga e San Pietroburgo.

Il 7% della popolazione mondiale attuale «vivrà» su terreni immersi nel mare e più del 60% delle popolazioni colpite sarà in Cina, India, Bangladesh, Vietnam e Indonesia.

Sette paesi, inoltre, perderanno il cinquanta per cento della terra, tra cui Maldive e isole Cayman.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui