Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Caselle. I piccoli commercianti contestano l’obbligo imposto dai “grandi” «Vogliamo far capire ai clienti che anche noi abbiamo diritto al riposo»

CASELLE – Aperti sì, ma al buio. Scatta la protesta dei piccoli negozianti del centro Prisma, da tempo alle corde con i big del centro commerciale sulla Noalese. Domani sarà la seconda domenica di apertura “forzata”, cioè contro la volontà dei piccoli negozianti, costretti a tenere aperto perché così prevede il regolamento del consorzio interno di tutte le attività della galleria.

«Chi chiude viene multato? Nessun problema», affermano i “piccoli”, «apriremo come ci viene imposto, ma terremo le luci spente». In questo modo il segnale dato ai clienti è fin troppo chiaro: noi non ci stiamo. Lo hanno deciso almeno sette delle 13 attività del Prisma, che in questo modo passano dalle proteste all’azione. Ci sarà anche il sindaco Nicola Fragomeni a dare supporto ai piccoli commercianti: già in passato il primo cittadino si era schierato con le motivazioni della protesta. Annunciato anche il capogruppo di Civica Insieme, Giuseppe Rodighiero e i rappresentanti delle categorie. Sarà dunque una giornata di presidio.

Insieme al black-out volontario, i piccoli negozianti distribuiranno ai clienti anche dei volantini in cui spiegano i motivi di questa specie di sciopero bianco, che saranno spiegati con manifesti affissi anche alle vetrine dei negozi:

«Ribadiamo il nostro no alle aperture domenicali selvagge», scrivono i piccoli commercianti, «domenica aperta per noi significa: più costi che ricadono sul consumatore finale, sempre meno tempo da dedicare alle nostre famiglie, sanzione fino a 1200 euro in caso di mancata o parziale apertura, dittatura legalizzata delle grandi realtà commerciali nei nostri confronti e nessun nuovo posto di lavoro e infine futuro incerto per le nostre attività e forte rischio di chiusura».

Di fronte a queste ragioni dunque, la domenica lavorativa al Prisma domani avrà un aspetto inedito: accese e dinamiche le grandi attività, tra cui la Coop e il Center Casa, aperte, ma a luci spente e vetrine sottotono i piccoli negozi della galleria commerciale. Come a dire: «Qui non entrate pure». La forma di protesta partirà subito all’apertura, alle 10 e proseguirà per tutta la mattinata e probabilmente anche al pomeriggio, per l’intera giornata.

I titolari saranno presenti: glielo impone il regolamento, ma più che per vendere, sarà per spiegare ai clienti che loro sarebbero volentieri rimasti a casa. «È solo che non possiamo permetterci di pagare multe salate», spiega uno di loro, «già c’è la crisi, le tasse e le altre spese, ci manca solo di dover pagare 1200 euro ogni domenica che decidiamo di assecondare il nostro sacrosanto diritto al riposo».

Filippo De Gaspari

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui