Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Dolo. Ospedale, scoppia la polemica

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

21

mar

2014

DOLO – Bordate anche da Chisso: «Così si alimentano le ansie dei cittadini»

Critiche all’assessore regionale Coletto. L’Asl 13: «Attualmente i soldi non ci sono»

PROVVISORIO – La tensostruttura che funge da ingresso al Pronto soccorso dell’ospedale a Dolo

Le dichiarazioni dell’assessore alla Sanità Luca Coletto agli esponenti della Lega Nord incontrati martedì hanno sollevato un polverone e suscitato una serie di reazioni, a cominciare da quella del direttore generale dell’Asl 13 Gino Gumirato. «Attualmente non esistono cinque milioni di euro per la riqualificazione del Pronto Soccorso di Dolo – dichiara il dg – La notizia è semplicemente non corrispondente agli atti formali della Regione e della Ulss 13. Inoltre l’Azienda Ulss non è stata ferma in alcun modo, bensì ha provveduto ad effettuare la valutazione antisismica del Pronto Soccorso di Dolo come operazione obbligatoria preordinata alla presentazione di qualsiasi progetto».

Gumirato puntualizza: «La Regione Veneto si è mossa prima con una delibera del 17 luglio 2012 con cui ci ha autorizzati a contrarre un mutuo pari a 3 milioni di euro per investimenti in tecnologia e apparecchiature, soldi spesi tra il 2012 e il 2013, e successivamente, con una delibera del 2 ottobre 2012, con cui la Regione ci ha esteso il finanziamento con l’aggiunta di 2 milioni per l’adeguamento del Pronto Soccorso di Dolo previa valutazione antisismica conclusasi recentemente. E da questa valutazione è emerso non solo che bisogna provvedere all’adeguamento, ma che non sono sufficienti i 2 milioni per farlo. Ora si provvederà ad inviare un progetto di riqualificazione del Pronto Soccorso completo di adeguamento antisismico che verrà a costare all’Azienda non 2, bensì 5 milioni di euro».

Sulla questione è intervenuto anche l’assessore regionale Renato Chisso, con toni molto duri: «Non capisco le critiche rivolte alla gestione dell’Asl 13. Mi pare che qui ci sia gente disinformata e che non ha voglia di informarsi e capire. Peccato perché in questo modo si alimentano le ansie ai cittadini e si vanifica il lavoro di ottimi professionisti. Chi accusa di immobilismo questa amministrazione non sa quello che dice. Mi pare che dalla Lega arrivino solo critiche. Consiglio a questi signori di mettersi a lavorare per il bene della comunità».

Critiche anche da Gabriele Scaramuzza, responsabile sanità e welfare del Pd veneziano: «Viene da pensare che l’assessore Coletto non sappia che il progetto di ristrutturazione del pronto soccorso dell’ospedale di Dolo è stato predisposto dall’azienda ULSS 13 nel lontano 2007 e ha già ottenuto l’approvazione, con prescrizioni, delle competenti strutture della Regione Veneto. O all’assessore Coletto hanno nascosto le carte, oppure hanno sottratto i fondi. Ed a pagare il dazio di questa colpevole inerzia è il polo ospedaliero di Dolo e la popolazione della Riviera del Brenta». Scaramuzza conclude con una domanda: «La domanda da fare all’assessore Coletto è una sola, e su questo pretendiamo una risposta immediata: il progetto c’è, ma i soldi?»

Lino Perini

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui