Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Venezia. Crociere al Lido. Un porto per 5 navi.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

11

apr

2014

CROCIERE – Presentato nel dettaglio il progetto De Piccoli per una Marittima alla bocca di porto del Lido

Una banchina di 940 metri per 5 navi

Pronta in 26 mesi, costo128 milioni. Passeggeri a Venezia con motonavi

Carte alla mano, è uno dei due progetti preliminari compiuti sui sette che sono stati presentati al Governo come alternativa al passaggio delle grandi navi a San Marco. Ieri Venis Cruise 2.0, il progetto promosso da Cesare de Piccoli, è stato presentato alla città da uno stuolo di tecnici, che hanno curato, ciascuno per la propria specialità, i singoli aspetti della progettazione. Il risultato è un terminal per 5 grandi navi lungo quasi un chilometro (940 metri di banchina) appoggiato al fondale che costerà 128 milioni e potrebbe essere completato per l’avvio della stagione crocieristica 2017.
All’Ateneo Veneto, De Piccoli ha ricordato che il suo è un progetto serio, realizzato anche da Duferco Engineering, studio Cristinelli, Ipros ingegneria ambientale e AdGeo sistemi per l’ambiente.
«Noi proponiamo – ha detto – la differenziazione delle funzioni tra la Marittima e il nuovo terminal esterno. Come accade negli aeroporti, nell’attuale stazione (immagina soprattutto i fabbricati 107-110)si svolgono le procedure di accettazione e d’imbarco, nel terminal solo l’imbarco o lo sbarco dalle navi. I passeggeri saranno portati da motonavi, bagagli e merci da bettoline. Nessuno ha pensato di “invadere” la via Fausta. Il collegamento con la terraferma è comunque necessario, ma solo a fini di emergenza».
Bloccando le navi più grandi fuori dal sistema Mose, le più piccole continuerebbero a servirsi della Marittima.
«L’impegno solenne che ci prendiamo – ha aggiunto – è che così non si perderanno né passeggeri né posti di lavoro. Che anzi saranno aumentati. Buona parte dell’energia arriverà da fonti rinnovabili».
I tecnici, uno ad uno, hanno poi risposto alle questioni di carattere ambientale, geologico, ingegneristico e paesaggistico.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui