Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

ZERO BRANCO – (N.D.) Arrivano dopo anni di battaglie le barriere fonoassorbenti in via Dal Pozzo a Zero Branco, una delle zone rese invivibili dai rumori delle migliaia di automezzi che transitano ogni giorno lungo il Passante di Mestre. «Meglio tardi che mai», commenta il sindaco Mirco Feston che ieri ha ricevuto la comunicazione ufficiale che verranno finalmente installati i pannelli fonoassorbenti che mancano ancora nei punti dell’autostrada a ridosso della abitazioni. Il sindaco Feston ha il dente avvelenato contro le grandi opere viarie che presentano gravi carenze costruttive.
«Non si può costringere la gente a barricarsi in casa per cercare di difendersi dai rumori assordanti», ha aggiunto. I dati sull’inquinamento acustico rilevati dall’Arpav non lasciano dubbi. In questi anni Feston ha scritto alla Cav, al Prefetto, alla direzione del Passante, all’Anas e all’Arpav a sostegno della vivibilità delle famiglie di via Dal Pozzo. «Ho dovuto fare il “cappotto” alla mia casa per attutire i rumori perchè di notte era impossibile dormire», spiega Pietro Manente con il figlio Francesco. In via Dal Pozzo dovrà essere risolto anche il problema del rischio idraulico legato sempre ai lavori del Passante.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui