Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

 

Tra Martellago e Cappella i lavori procedono spediti. Il cantiere sarà concluso entro fine anno

MARTELLAGO. In quella striscia d’asfalto che collega il casello di Martellago-Cappella fino a via Boschi, ora si sentono solo i rumori delle ruspe e degli attrezzi usati dagli oltre cento operai che entro l’anno finiranno l’opera a cavallo del fiume Dese e che avrà la forma di diamante rovesciato. Tra fine 2014 e inizio 2015 inizieranno a transitare migliaia di auto e camion.

Si è più avanti nella zona ovest, quella appunto fino a via Boschi, mentre nei prossimi mesi subirà un’accelerata il cantiere a est, con il collegamento fino alla Castellana a Martellago, in zona Kelemata. L’obiettivo è consegnare tutto per dicembre e dal cantiere assicurano che i tempi saranno rispettati.

Stato attuale. Ad oggi, sul lato ovest si è buon punto; la lunga lingua d’asfalto da via Boschi è pronta, così come la rotatoria poco prima del casello, diviso con ingresso e uscita ai lati del cavalcavia. Le due stazioni per entrare e uscire dall’autostrada e i fabbricati sono pressoché finiti. A est, ci si concentrerà di più nei prossimi mesi; i caselli sono pronti, mentre gli immobili sono al grezzo ma avanzato. Sono stati acquisiti gli edifici, poi da demolire, e si provvederà a fare la rotatoria all’altezza della Kelemata. Si sta asfaltando la tangenziale lunga cinque chilometri. La bretellina di mille metri che collegherà la Moglianese al casello, sfruttando l’attuale contro-strada di servizio, sarà realizzata di seguito.

Cavalcavia. Si sta montando l’impalcato del ponte. Manca la trave centrale, quella di 600 metri che passerà sopra l’autostrada; il varo è previsto per fine luglio, quando dovrà essere chiusa al traffico. Nei mesi scorsi, nei due lati del Passante, sono stati costruiti i 14 piloni in calcestruzzo, sette per parte, dove sarà appoggiato il viadotto per collegare l’entrata e l’uscita al casello.

Progetto. L’idea complessiva prevede quattro rotatorie lungo il tracciato che porterà al casello: agli incroci con via Canove e in via Morosini a Martellago, via Ponte Nuovo e via San Paolo a Scorzè. A queste se ne aggiungeranno una tra via Canove e la Castellana a fianco del municipio, e l’altra sempre su via Canove ma all’incrocio con via Volta. La rotonda di via Ponte Nuovo sarà spostata più a est, per tutelare Villa Astori.

Mitigazioni. In fase di progetto del casello se n’è parlato molto. A Scorzè si dovrà realizzare il bosco di Cappella, che avrà anche il compito di risolvere i problemi idraulici della zona, oltre a ridurre l’impatto della futura opera. L’obiettivo è risolvere la questione del Desolino ed evitare le esondazioni del 2006, che provocarono un’alluvione in tutta la zona. Per quanto riguarda le piste ciclabili, sono previste in via Morosini a Martellago, via Onaro e via Ponte Nuovo in territorio scorzetano.

Alessandro Ragazzo

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui