Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Corriere delle Alpi – Treno, ritardi sul Padova-Belluno

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

8

mag

2014

Martedì sera due corse cancellate: pendolari a destinazione quasi due ore dopo

BELLUNO. Continuano le giornate di “passione” per i pendolari della tratta Padova-Belluno.

L’ultimo disagio denunciato dagli utenti tramite anche il sito Binari quotidiani, è avvenuto martedì sera quando un treno è stato soppresso e quello che è partito da Padova è arrivato a Belluno con quasi due ore di ritardo.

Questo ennesimo disservizio si aggiunge a quello di lunedì quando il ritardo è stato di 39 minuti e a quello di qualche giorno prima quando, a causa del maltempo a Padova, le ore di ritardo erano state oltre quattro. Una situazione insopportabile tanto che i pendolari chiedono un incontro con l’assessore Renato Chisso, «e lo vogliamo in treno», ribadiscono.

Il problema di martedì è da ricondurre al malfunzionamento del locomotore. Ma non solo: nel convoglio ci sono anche le porte che non chiudono tanto che il capotreno ha annunciato un ritardo di 30 minuti. Dopo aver atteso, i pendolari sentono annunciare che il treno è soppresso e che sono costretti quindi ad aspettare quello successivo delle 18.29. Del fatto viene avvisato anche il consigliere Bond che si impegna a telefonare a Chisso e a «pretendere» un incontro con l’assessore, il presidente Zaia e una delegazione dei pendolari.

Finalmente alle18 gli utenti salgono sul treno ma dopo 20 minuti vengono a sapere che non è quello giusto, e che devono cambiare binario oltre a dover sopportare altri 10 minuti di ritardo. Ma dopo mezz’ora si viene a sapere che partiranno anche due autobus per Montebelluna con unica fermata a Castelfranco Veneto (saltando Camposampiero). Molti si avviano all’autobus, mentre altri attendono il treno delle 18.46 per Treviso per fermarsi a Castelfranco. Alla fine il convoglio parte alle 18.53 con un’ora e 24 minuti di ritardo. Come se non bastasse a Castelfranco si attende il treno incrociante e così il ritardo sale a un’ora e 37 minuti, mentre un altro treno per Padova viene cancellato. Nel percorso si accumula altro ritardo finché alle 20.50 il treno arriva a Feltre con un’ora e 56 di ritardo.

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui