Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

CASSOLA – Il commissario della grande opera bolla la proposta di Bergamin

«Spv a nord discarica: impossibile»

«Anzi, per migliorare i costi bisognerebbe spostarla ancora 20 metri più a sud»

Lo spostamento della Superstrada Pedemontana a nord dell’ex discarica Gie di Cassola è un’ipotesi impraticabile: a sostenerlo è il commissario straordinario della Spv, Silvano Vernizzi, in risposta alla soluzione che l’ingegnere Giampaolo Bergamin ha presentato di recente al ministero delle Infrastrutture. «Nell’ipotesi avanzata da Bergamin la confusione regna sovrana – sostiene Vernizzi – perché lo spostamento a nord, ai confini tra Cassola e Romano, è stata bocciata dal Cipe già nel 2006. Quell’ipotesi, infatti, avrebbe portato la superstrada a transitare nelle vicinanze di villa Roberti, in Comune di Rosà, un sito vincolato dal ministero dei Beni Culturali».
Il commissario boccia allora la proposta e conferma, allo stato attuale, la validità del progetto esecutivo approvato da tutti i comuni in sede di conferenza dei servizi, nel quale la Spv lambisce a sud l’ex discarica, richiedendo delle operazioni di bonifica per la pericolosità dei rifiuti tossici e nocivi presenti nel sottosuolo. Sempre secondo Vernizzi, l’unica alternativa possibile, e vista con grande interesse sia dai responsabili dell’opera che dagli stessi comuni, sarebbe un ulteriore spostamento dell’arteria a sud di 15/20 metri: «Questa nuova proposta porterebbe a intervenire su ulteriori quattro capannoni, con maggiori costi per l’abbattimento e gli espropri – spiega – ma non sarebbero più necessarie bonifiche, perché la strada resterebbe all’esterno dell’area della discarica. Per questo l’operazione non comporterebbe svantaggi economici rispetto al progetto attuale, e non darebbe pericoli da punto di vista ambientale».
Vernizzi conferma allora che la nuova idea è già pronta per avere un via libera e modificare quanto previsto oggi, sentiti anche i pareri dei comuni di Cassola e Romano. Infine una considerazione sullo spostamento a nord, che sarebbe al vaglio del Governo: «Il ministro delle Infrastrutture non mi ha chiesto nulla, e se lo farà siamo pronti a dire le stesse cose appena precisate. Per il resto – conclude – il progetto Spv ormai è partito, e ormai va avanti così com’è. Non si faccia campagna elettorale su questo».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui