Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Un questionario su treni serali e festivi

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

12

mag

2014

 

L’iniziativa dei comitati dei pendolari per convincere Trenitalia e Regione a farli ripristinare

Tre questionari, da compilare online oppure in versione cartacea, per dimostrare a Regione e Trenitalia che gli utenti interessati ai treni serali e nei giorni festivi esistono. E sono pure tanti.

A lanciare l’iniziativa sono i comitati pendolari del Veneto Orientale e di Quarto d’Altino. «Durante l’ultimo tavolo di lavoro tra Regione, Trenitalia e amministratori locali della linea Venezia-Portogruaro è emerso che gli autobus serali sono poco utilizzati.

Secondo Trenitalia e Regione questo accade perché non c’è richiesta di mobilità in uscita da Venezia la sera tardi. Amministratori e comitati sanno che la realtà non è affatto questa», spiegano i pendolari, «già a novembre i comitati lo avevano verificato direttamente, contando una per una le persone a bordo del vecchio treno delle 22.57 e di quello delle 0.21. I numeri erano decisamente importanti: cento persone sul primo e 70 sul secondo».

Con gli autobus sostitutivi i disagi per i pendolari sono stati diversi: il tempo di percorrenza è doppio rispetto al treno, i rischi maggiori (nebbie, ghiaccio, incidenti), senza contare le situazioni di sovraffollamento che si sono verificate a Carnevale, le corse e le fermate saltate.

«Ciò comporta che l’utenza conteggiata sugli autobus sostitutivi sia esigua e sembra non giustificare la necessità di un treno, perché non si vuole vedere l’utenza potenziale (turistica) né quella che si è persa con l’inserimento dell’autobus», aggiungono i pendolari, «molte delle persone, che fino a dicembre rientravano in treno, oggi si spostano con mezzi propri».

Da qui l’iniziativa dei Comitati che, attraverso i questionari disponibili anche sulle loro pagine Facebook, cercano di raccogliere informazioni sui potenziali utenti interessati a utilizzare il treno notturno delle 0.21 da Venezia per Portogruaro, quello serale (21.41 da Venezia per Portogruaro, anticipando la corsa che oggi parte alle 22.11), nonché i convogli al mattino presto di sabato, nei festivi e nei periodi di vacanza scolastica, estate in primis.

«Questi treni, che ci sono stati tolti da dicembre, sono fondamentali per tante persone ed è un loro diritto che siano ripristinati», concludono i pendolari, «pertanto abbiamo costruito tre brevi questionari specifici per ciascuna istanza da compilare online o in forma cartacea che ci permetteranno di raccogliere tutte le persone toccate da questi problemi».

Giovanni Monforte

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui