Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – “Non distruggete l’ospedale di Dolo”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

31

mag

2014

SANITÀ – Appello di partiti, gruppi ed associazioni di tutta la Riviera contro lo smantellamento

“Ospedale di Dolo, non distruggetelo!” È l’accorato appello diffuso ieri con un volantino sottoscritto dal Comitato Bruno Marcato, dai gruppi politici “Ponte del Dolo”, Sel di Dolo e Mira, dal Comitato Opzione Zero, del Prc di Dolo, Mira e Fiesso d’Artico, dall’Anpi di Dolo, dalla “Sinistra per Camponogara”, da “Mira fuori del Comune” e “Mira 2030″, “Strada Comune Stra” e “Stra rialzati”.
I gruppi politici e le associazioni richiamano l’attenzione sul presidio sanitario dolese: «Ne parliamo ancora perché la voce della Riviera del Brenta arriva con difficoltà alle orecchie di chi governa la Regione e di chi è seduto in Consiglio regionale, e perfino a quelle di molti sindaci dei nostri Comuni. Vogliamo ribadire con forza le ragioni che sostengono il rilancio del nostro ospedale, con spazi e strutture pubbliche male utilizzate, abbandonate e in procinto di essere vendute».
Secondo i vari gruppi rivieraschi “stare zitti significherebbe ignorare, addirittura offendere i centotrentamila abitanti della Riviera del Brenta che forse non sanno fino a che punto il loro ospedale sia oggetto di uno scippo lento, graduale, inesorabile, con molti politici che stanno a guardare, rendendosi complici”. E concludono: «L’ospedale di Dolo deve rimanere ospedale per acuti, con l’attuale area chirurgica e classificato ospedale di rete. Un presidio sanitario di prima qualità per i cittadini della Riviera del Brenta e dell’Asl 13. Non buttiamo via un tesoro accumulato in 150 anni».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui