Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Aperture domenicali, frenata in vista

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

10

giu

2014

Il Governo: 12 chiusure festive l’anno. Zanon (Confcommercio Veneto): «Bene, ma non è abbastanza»

VENEZIA – Aperture domenicali: il Governo mette il piede sul freno e Confcommercio gradisce. La misura annunciata durante l’assemblea generale della Confederazione dal ministro per lo Sviluppo economico Federica Guidi e il disegno di legge che sta per approdare alla Camera, e che parla di 12 chiusure festive all’anno, confermano – dice una nota della Confcommercio del Veneto – che «la strada è quella giusta, una prima risposta alla battaglia intrapresa negli ultimi anni da Confcommercio e condivisa anche dalla Regione Veneto con la legge 30 del 2011 (successivamente massacrata dal Governo Monti), che aveva da subito previsto le conseguenze e i danni sociali ed economici che sarebbero derivati da un’eccessiva liberalizzazione delle aperture, cosa che è puntualmente avvenuta, aggravata poi dalla crisi dei consumi ». «Si può iniziare da qui. Questa è una risposta a chi voleva a tutti i costi un referendum che, per quanto buono nelle intenzioni, avrebbe comportato tempi di realizzazione e applicazione sicuramente lunghi – dichiara il presidente di Confcommercio Veneto Massimo Zanon – Ma l’obiettivo è insufficiente. Innanzitutto smettiamola di dire che le aperture sono sinonimo di liberalizzazioni del settore. Basta andare in Austria per capire che non è così: lì la spesa si fa prevalentemente durante la settimana». Confcommercio Veneto, insomma, chiede maggiori chiusure festive, allargate anche alle domeniche, quindi non solo legate alle festività religiose e celebrative. Fatte salve, ovviamente, le deroghe per le località turistiche, perché nel turismo lo shopping è sempre un elemento importante. «Ma anche in questo caso non prendiamoci in giro – avverte Zanon- Si può credere e condividere l’apertura nei periodi di stagione, non per 360 giorni all’anno! Lo possiamo fare, e lo appoggiamo, nei casi dei comuni in cui il rapporto tra i pernottamenti e il numero dei residenti è significativo, non in quelli in cui la definizione di “comune turistico” è palesemente tirata per i capelli ». Su questo punto, Confcommercio Veneto pone l’attenzione anche su un elemento di concorrenza che lascerebbe margini di rischio non indifferenti: «Attenzione alle deroghe – avverte il presidente regionale della Confederazione – Le aperture dovranno essere calibrate, soprattutto nelle regioni contermini, perché sarebbe spiacevole che ci disputassimo i consumatori residenti tra Friuli, Veneto, Trentino, Lombardia ed Emilia Romagna. Sarebbe una lotta fra poveri che non ci meritiamo».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui