Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

«La sicurezza idraulica del territorio tra Padova e Venezia e il completamento dell’idrovia Padova-mare sono conciliabili».
Lo ha assicurato lunedì mattina l’assessore regionale alla Difesa del suolo, Maurizio Conte, durante l’incontro avvenuto a Palazzo Balbi, di fronte a 13 sindaci del territorio padovano e veneziano, al «Comitato Intercomunale Brenta Sicuro» di Campolongo Maggiore, alle associazioni Legambiente, al Comitato «Opzione zero», al «Comitato Difesa Suolo» di Selvazzano (Pd) e al Comitato per la Salvaguardia del Territorio «Antonio Canova» di Vigonovo.
Le associazioni hanno presentato all’assessore oltre 2.500 firme di cittadini per chiedere più attenzione ai problemi idraulici di Brenta e Bacchiglione. Oltre a Conte era presente il Consigliere regionale Bruno Pigozzo.
La raccolte di firme è il risultato della sottoscrizione promossa in oltre 100 comuni delle provincie di Padova e Venezia per porre l’attenzione degli amministratori regionali sul rischio idraulico che incombe su tutto il territorio, padovano e veneziano, compreso tra i due fiumi, abitato da oltre 500.000 persone.
Il documento è stato inoltre sottoscritto dai dieci sindaci dei comuni della Riviera del Brenta e dai comuni padovani di Codevigo, Arzergrande, Piove di Sacco, Veggiano, Albignasego, Ponte San Nicolò, Veggiano, Albignasego e Padova.
Per completare l’opera servono circa 300 milioni di euro.
Secondo il progetto l’idrovia diventerà canale navigabile con chiatte per il trasporto delle merci e nello stesso tempo servirà come canale scolmatore in caso di piene di fiumi Brenta e Bacchiglione.
I fondi per completare l’opera saranno messi a disposizione dalla Comunità Europea e in tal senso la Regione del Veneto ha già fatto presente la questione al Presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Per accedere ai fondi europei è necessario presentare domanda entro il 31 dicembre 2014.

(v.com.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui