Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Ora a Borbiago si teme per il nuovo sottopasso

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

11

giu

2014

MIRA – Dopo il rinvio dell’apertura della bretella i cittadini chiedono garanzie per la seconda grande opera

Ma il comitato rassicura i residenti: «Tutto procede»

L’apertura delle bretella di via Monte Sommo a Borbiago, prevista per il 3 giugno, è stata rinviata e c’è preoccupazione per il sottopasso ciclopedonale dopo l’arresto dell’ex assessore regionale Renato Chisso.
«Nonostante questa brutta vicenda del Mose nulla cambierà nell’iter già avviato sul sottopasso» ad assicurarlo è il portavoce del Comitato cittadino di Borbiago Davide Moressa che ha contattato i tecnici responsabili di veneto Strade proprio in questi giorni.
L’assessore Chisso era intervenuto un paio di settimane fa a Borbiago proprio per rassicurare personalmente comitato, cittadini e amministrazione la realizzazione del sottopasso anche dal punto di vista del finanziamento dell’opera.
«Dopo le notizie di questi giorni sulle vicende giudiziarie legate al Mose che vedono coinvolto anche Chisso – spiega Moressa – molte persone ci hanno contattato preoccupati per il futuro della sorte del sottopasso di Borbiago-Oriago.
Abbiamo avuto in questi conferma dall’ing. Carraro, incaricato dello studio da Veneto Strade, che il progetto è ora definitivo/esecutivo e verrà consegnato al committente (Veneto Strade) tassativamente giovedì (12 giugno) e una copia verrà consegnata al Comune di Mira. Gli interlocutori restano l’azienda Veneto Strade (Regione Veneto) e il Comune di Mira.
Nei scorsi giorni sono stati effettuati i contratti preliminari con i proprietari dei terreni che verranno acquisiti.
Questi incontri hanno avuto esito positivo senza particolari impedimenti e/o ostacoli. E quindi tutto sta procedendo secondo i piani.
Da giovedì – conclude Moressa – la palla passa al Comune di Mira che dovrà subito procedere con la variante urbanistica e atto formale per acquisizione terreni. Successivamente entrerà in gioco l’azienda Veneto Strade (Regione Veneto) per la parte economica (finanziamento opera) e la gare d’appalto».

Luisa Giantin

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui