Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Il premio Istituto Veneto per Venezia 2014 a due opere giornalistiche che raccontano la criticità delle quotidianità lagunari. Vincono, a pari merito, l’articolo Der Kreuzzug (La Crociata) di Dirk Schümer, pubblicato dal «Frankfurter Allgemeine Sonntagzeitung» il 17 novembre 2013 e il video “Come to Venice” (2013), di Benedetta Panisson.

La cerimonia di premiazione si è tenuta ieri mattina in una sala gremita di Palazzo Franchetti all’Accademia, con la consegna dell’assegno di 5mila euro che i due vincitori dovranno dividersi. Al tavolo dei relatori alcuni membri della giuria: Gian Antonio Danieli (presidente), Gherardo Ortalli e il presidente dell’Associazione Stampa Estera in Italia Maarten Van Aalderen. Aalderen ha elencato gli argomenti veneziani più affrontati dai giornali stranieri. «Negli ultimi decenni – ha detto Aalderen – l’argomento più sentito all’estero è quello della crescente acqua alta e della soluzione del Mose, la questione dello spopolamento in città ed il passaggio delle navi da crociera in laguna, di come gli abitanti percepiscono questa pressione. Naturalmente quest’anno l’attenzione si è concentrata sugli scandali che hanno colpito la città e la caduta della giunta veneziana».
“La Crociata” di Dirk Schümer racconta il crescente sviluppo e passaggio crocieristico delle grandi navi a Venezia, l’aumento dei casi di cancro in città per l’inquinamento atmosferico provocato dai fumi dei grattacieli sull’acqua e il sovraffollamento turistico motivo di congestione e di una nuova “industrializzione” di souvenir più o meno legali. «Alla “fortuna” del potere vivere a Venezia – motiva la giuria – lo spirito criticamente affinato di chi sa cogliere i problemi reali andando oltre le facili parole d’ordine». Il documentario “Come to Venice” di Benedetta Panisson, è invece un ‘diario intimo’ dove alcuni veneziani dai volti nascosti raccontano come si vive a Venezia, cosa si ama e cosa si detesta. Le varie testimonianze, accompagnate sullo sfondo dal suono drammatico delle sirene dell’acqua alta, diventano ‘voci collettive’, espressione di un comune sentire. Alla fine, vincono i motivi per continuare ad amare Venezia, resistervi e non abbandonarla.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui