Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

CAMPAGNA LUPIA – La Commissione Salvaguardia ha bocciato con un primo parere l’intervento di potenziamento dell’idrovora di Lova e i sindaci di Campagna Lupia, Campolongo e Camponogara scrivono una lettera al presidente della Regione Luca Zaia. Si tratta di un intervento di ricalibratura della rete scolante di bonifica a servizio di 1750 ettari nei tre comuni. «Il progetto del potenziamento dell’idrovora di Lova», scrivono i sindaci dei tre paesi, «ricadendo tra gli interventi prioritari decisi dall’ex Commissario agli allagamenti Mariano Carraro è finanziato dalla Regione con 3,5 milioni di euro e si collega ad altri interventi idraulici in fase di esecuzione, cofinanziati dalle nostre amministrazioni. Il progetto sta avendo un iter burocratico travagliato con ricorsi e pareri che discordano da quasi 5 anni. Ma se accadessero fatti simili a quelli del 2007, 2008 e 2009, cioè alluvioni disastrose con milioni di euro di danni, i nostri Comuni declineranno ogni responsabilità, ed ognuno se ne dovrà assumere le proprie, visto che i giorni passano e si continua a tergiversare. Stavolta se accadranno o fatti gravi e pericolosi per l’incolumità dei cittadini i nomi e cognomi di chi blocca tutto saranno evidenti».

(a.ab.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui