Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

TREVISO – Italia Nostra vuole vederci chiaro sul prolungamento della tangenziale e sullo studio della Trt di Milano che definirebbe la costruzione del IV lotto come necessaria. Da qui la decisione di chiedere al Comune gli atti legati al progetto: le richieste fatte dalla giunta alla Trt, lo studio di fattibilità e soprattutto i dati sull’analisi del traffico effettuati dal 2008. «Questi ultimi li abbiamo già richiesti in varie occasioni – sottolinea Romeo Scarpa – non ci sono mai stati consegnati, magari perché non esistono».

Italia Nostra ha anche annunciato l’avvio di un monitoraggio autonomo dei flussi di traffico. Il tema è caldissimo. Come ha dimostrato il “blitz” di lunedì in municipio di Marilena Rosada, anima del comitato contro la realizzazione della strada, e il seguente battibecco con Manildo. «Il sindaco ha telefonato a Marilena arrabbiato per la sua insistenza – rivela Scarpa – senza capire che quello che dice lei è quello che diciamo tutti noi». «Ribadiamo la nostra contrarietà a tutti gli interventi infrastrutturali non supportati da precisa analisi costi e benefici – conclude – ricordiamo anche che molti consiglieri dell’attuale maggioranza hanno votato contro il progetto di Veneto Strade quando governava la Lega».

(mf)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui