Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nasce un inedito asse tra Ponzano e Treviso per spingere Paese a non ostacolare la costruzione del prolungamento della tangenziale. Dopo il botta e risposta tra i due litiganti, ora scende in campo anche Claudio Niero, consigliere regionale del Pd ed ex sindaco di Ponzano. E lo fa prima per tirare le orecchie a Pietrobon, sindaco di Paese, e poi per invitare tutti a smetterla di procedere per veti contrapposti. L’altro ieri Pietrobon era stato durissimo con Treviso: «Manildo non scarichi i problemi del suo centrosinistra su di noi» ha detto. Paese non ne vuole sapere di ospitare il IV lotto che Treviso vorrebbe spingere più a nord rispetto all’iniziale tracciato pensato in mezzo a Monigo. E proprio qui interviene Niero. «È assurdo che Paese bisticci con Treviso -mette in chiaro- Il prolungamento è di vitale importanza per tutti i comuni limitrofi. Quindi ognuno faccia la propria parte con umiltà. Anche Pietrobon». «Tanto più che il IV lotto porterebbe benefici in primis a Paese -aggiunge- e poi anche a Ponzano, visto che si legherebbe con la variante di Postioma». Non solo. In ballo c’è anche la gestione dei futuri flussi di traffico generati dalla Pedemontana. Il timore di Ponzano è ritrovarsi sommersa da auto e Tir, in particolare lungo via Roma, in uscita dalla superstrada a Povegliano. In questo contesto il prolungamento della tangenziale e le bretelle di Postioma sulla Feltrina farebbero comodo. «Questo dovrebbe spingere tutti a sedersi attorno a un tavolo per valutare l’idea di Manildo -conclude Niero- Bisogna stare attenti a non tirare troppo la corda. Serve uno sforzo da parte di tutti, altrimenti rischia di naufragare l’intero progetto». Un’eventualità che, a quanto pare, tutti vorrebbero evitare. Non fosse altro perché la partita del prolungamento della tangenziale di 4 chilometri corrisponde a un impegno da parte di Veneto Strade pari a circa 54 milioni di euro.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui