Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Quattro moduli galleggianti al Lido, turisti portati a Venezia con le motonavi

Per gli estensori si tratta dell’unico progetto «graduale, sperimentale e reversibile». Compatibile con il riequilibrio lagunare, capace di ospitare fino a quattro grandi navi da crociera e con strutture montabili e all’occorrenza smontabili «in una decina di giorni».

Ieri, nell’ambito degli incontri organizzati dalla Municipalità di Venezia, Murano e Burano su tutti i progetti per dare un futuro alla crocieristica, a tenere banco è stato l’avamporto galleggiante alla bocca di Lido, progettato da una nutrita pattuglia di professionisti di settore in risposta alle ipotesi di scavo del canale Contorta Sant’Angelo funzionale alla Marittima o al trasferimento a Porto Marghera, «che comunque – ha precisato Stefano Boato – comporterà il raddoppio del canale dei Petroli».

«Abbiamo deciso di cimentarci con qualcosa di concreto, sulla base di quanto già disegnato nel 1983-84 da Pino Rosa Salva, e consapevoli che sin da allora tutti i porti del mondo andavano verso il mare», ha continuato Boato. Precisando, insieme a Vincenzo Di Tella, che il progetto pensato per navi da crociera «minimo da 74-75mila tonnellate, fino a una di stazza massima di 145mila» si basa su quattro mega-moduli galleggianti in acciaio per complessivi 600 metri di lunghezza e 36 di larghezza (più un quinto da 165 metri per l’attracco delle motonavi o altri mezzi che dovrebbero trasportare i turisti a Venezia, passando per bacino San Marco a una velocità massima di 11 chilometri orari), agganciati da speciali cerniere denominate “chain stopper”, zavorrati ai lati con acqua e assicurati al fondale da un sistema di catene, pesi morti e ancore. La collocazione davanti all’isola del Mose, proprio al centro della bocca di porto di Lido. Una struttura lato mare, dunque, «che non andrebbe a compromettere l’ingresso in laguna delle navi al di sotto delle 40mila tonnellate, che troverebbero posto in Marittima insieme ad aree per il diporto (leggasi mega-yacht, ndr), di servizio e forse destinate alla residenza».

«I materiali? Niente di nuovo: tutto già presente sul mercato, dove i moduli vengono utilizzati per trasporti marittimi fino a 30mila tonnellate – hanno aggiunto Boato e Di Tella – Questi sarebbero dotati anche di fenders (parabordi, ndr). E in altezza, partendo dal basso, il tutto comprenderebbe un’area impianti e stoccaggio, un’altra di lavoro e per la manutenzione, un primo piano per il transito passeggeri e un secondo per il relax e le operazioni di imbarco e sbarco. Che, in assenza di navi, potrebbe essere utilizzato anche come terrazza panoramica».

Il costo? «Una stima di 100 milioni di euro per i soli quattro moduli, comunque rivendibili – hanno concluso i proponenti – Sul quadro economico complessivo, invece, stiamo ancora lavorando».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui