Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

CHIESTA L’ACCENSIONE DEL SEMAFORO PER TUTTO IL GIORNO

CHIOGGIA – Il comitato di Valli di Chioggia a colloquio con l’Anas. Questa mattina alle 9 la delegazione, accompagnata dall’assessore alla Sicurezza Barbara Penzo, sarà ricevuta nella sede dell’ente, a Mestre. I cittadini puntano a portare a casa il “sì” per accendere il semaforo che regola l’incrocio sulla statale Romea per tutto il giorno.

Attualmente viene acceso solo durante l’orario di entrata e uscita dalle scuole e, circa un mese fa, l’amministrazione comunale aveva ottenuto l’ok da parte di Anas per modificare l’impianto e permettere la sua accensione anche a chiamata. Una concessione che, però, non era bastata al comitato.

«Quell’incrocio non è pericoloso solo per chi attraversa a piedi, ma anche e soprattutto per le macchine che vogliono entrare e uscire dalla frazione – afferma Giuliano Fiorindo -. Ecco perché l’ipotesi del “rosso a chiamata” non è, a nostro avviso, sufficiente. Ad Anas chiederemo ancora una volta di accendere il semaforo per tutto il giorno. È l’unico modo per garantire ai residenti il massimo della sicurezza».

È tuttavia difficile che l’Anas accolga la richiesta, visto che l’accensione diurna costante causerebbe lunghe e ingestibili code sulla Romea. «Chiediamo che si cerchi di salvaguardare la vita dei residenti della frazione – continua però il portavoce del comitato -. Se non sarà così, siamo pronti ad attuare azioni di protesta, tra cui il rallentamento della statale Romea».

M.Bio.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui