Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

La passerella resta un’incompiuta

MIRA «La passerella ciclopedonale a Porto Menai sul Novissimo? Un’opera incompleta in cui da settimane i lavori sono stati abbandonati dalla Provincia. Il comune di Mira si attivi in tempi rapidi prima che quest’opera a cui manca poco per essere fruita, non resti inutilizzata per anni».

A fare questo appello sono tanti residenti della località Porto Menai di Mira appoggiati dal consigliere Mattia Donadel della lista “Mira Fuori dal Comune”.

La passerella ciclopedonale sul Novissimo è stata posata ancora lo scorso ottobre. È costata centinaia di migliaia di euro ed è un’opera molto attesa dai residenti dopo che negli anni scorsi si erano verificati diversi incidenti.

I temi della viabilità e della sicurezza stradale erano stati al centro di un incontro, tra il sindaco di Mira Alvise Maniero e la presidente della Provincia Francesca Zaccariotto.

Si erano assicurati da parte della Provincia al comune di Mira tempi rapidi. Ora però a ridosso dell’opera che è palesemente da finire, da settimane non si vede un operaio. La struttura è transennata.

«Non vorremmo», conclude Donadel, «che la chiusura dell’ente provinciale generasse una tal confusione da rimandare l’apertura della passerella di anni».

(a.ab.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui