Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Il comitato Desman invade la strada con vanghe e trattori

MIRANO – «Se nessuno si sbriga la pista ciclabile ce la facciamo noii, prima che ci scappi il morto. Abbiamo uomini, mezzi e soprattutto abbiamo tanta buona volontà».

Non si placa la protesta dei residenti in via Desman, anzi. Una decina di persone ieri di prima mattina si è presentata in strada rimboccandosi le maniche per simulare la realizzazione della pista ciclabile. Hanno indossato tute e guanti e hanno manifestato con vanghe, pale, trattori, escavatori e gru.

«Il nostro è ovviamente solo un atto dimostrativo, non abbiamo scavato realmente – precisa il portavoce della protesta, Marino Dalle Fratte di Zianigo – ma abbiamo voluto lanciare un segnale. Volendo abbiamo anche molti più mezzi agricoli da utilizzare».

I manifestanti si sono piazzati dalle 7.30 in un terreno di proprietà proprio di Dalle Fratte, oltre il fossato a lato di via Desman, in territorio di Zianigo. Protestano per la pericolosità dello stradone che porta a Borgoricco, ripetono il solito ritornello: «Noi di manifestare non ci stanchiamo. Noi rimaniamo qui».

Per loro, più che una goliardata, la simulazione di ieri è stato un sogno ad occhi aperti: «Sono anni che aspettiamo di veder partire i lavori. Aspettiamo ancora, ma intanto abbiamo voluto vedere l’effetto che fa». Non è escluso che nelle prossime settimane il gruppo dia vita a nuove azioni eclatanti.

(G.Pip)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui