Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

16 novembre 2014 – Manifestazione per l’Ospedale di Dolo

Posted by Opzione Zero in Appuntamenti | 0 Comments

9

nov

2014

Dolo_ospedale

 

domenica 16 novembre 2014

GIU’ LE MANI DALL’OSPEDALE

MANIFESTAZIONE POPOLARE

– contro lo smantellamento dell’ospedale di Dolo e per il suo rilancio

– perché torni ad essere il grande e funzionale riferimento  della Riviera del Brenta

 

Programma:

ore 10,00 ritrovo a Dolo – Foro Boario, di fronte ingresso ospedale vecchio

ore 10,10 partenza del corteo

percorso: S.R. 11, via Zinelli, via Rizzo, Squero – Piazza Cantiere

ore 10,45 saluto e interventi

 

Opzione Zero aderisce

e invita a partecipare in tanti!!!

 

 

FINALMENTE IN PIAZZA TUTTI ASSIEME!

Il tacito, lento, graduale smantellamento dell’ospedale di Dolo ha finalmente scosso e unito chi governa la Riviera del Brenta: molti sindaci, si auspica tutti, saranno in testa alla manifestazione del 16 novembre.  È noto che le schede ospedaliere emanate dalla Regione Veneto negano all’ospedale di Dolo proprio la funzione di “Ospedale”.  Successive azioni della direzione, in atto e programmate, lo stanno privando di servizi essenziali, cui si aggiungono liste d’attesa di mesi per visite e diagnostica.

 

Perché tutto questo?

Perché vogliono declassare un ospedale che fu, e vorremmo che rimanesse, saldo riferimento per i 130.000 abitanti della Riviera del Brenta e di un vasto territorio limitrofo?  Perché vogliono eliminare l’ospedale di Dolo, che si trova in una posizione geografica baricentrica, che ospita i suoi servizi in immobili di proprietà pubblica, che vanta una storia illustre, che rappresenta ancora un riferimento per la cittadinanza grazie a crescita e sviluppo faticosamente raggiunti?

A questo tentativo, noi da tempo diciamo no  e ora lo dicono anche i Comuni Un risultato importante e non scontato per il Coordinamento che da più di due anni sta lottando strenuamente in tal senso.

 

Allora chiediamo assieme:

  • che le schede ospedaliere siano congelate e riviste come per altri ospedali della nostra Provincia e del Veneto, con blocco immediato dell’atto aziendale;
  • che sia mantenuto per Dolo, come per Mirano, il ruolo di ospedale per acuti, con servizi e reparti complementari tra loro;
  • che siano concessi quei finanziamenti sempre promessi, già stanziati e mai erogati, necessari al completamento del Pronto Soccorso e ad altri interventi urgenti.

 

La voce dei cittadini va ascoltata perché esprime bisogni, difficoltà, esigenze, aspettative a cui la “politica” dovrebbe dare risposte serie e concrete senza demagogie e opportunismi.

 

Manifestazione organizzata da: Comitato Bruno Marcato, Il Ponte del Dolo, Sinistra Ecologia Libertà, Opzione Zero, ANPI, Rifondazione Comunista, Movimento 5 Stelle, Circolo AUSER Dolo, AIDO Dolo, Mira 2030, Associazione Culturale Arcobaleno Dolo, Associazione Isola Bassa Dolo, Mira Fuori del Comune, Insieme di Stra, Psiche 2000, Associazione Diabetici Riviera del Brenta…

e con l’adesione dei Comuni di Campolongo Maggiore, Camponogara, Dolo, Fiesso d’Artico, Fossò, Mira, Pianiga, Stra, Vigonovo

 

 

 

————————————————————————————————————————————–

 

Documento approvato dalla Conferenza dei Sindaci

 

Premesso

che il PRSS aveva previsto una nuova classificazione degli Ospedali, la dotazione delle Schede Ospedaliere, delle Schede Territoriali ed una nuova riorganizzazione dei servizi nel territorio per meglio rispondere ai bisogni oltre che a contenere la spesa anche attraverso una razionalizzazione dei servizi;

che per quanto riguarda la nostra ASL tale riorganizzazione è stata già da tempo avviata ed anche a seguito di questa, è stato portato a pareggio il bilancio e la nostra ASL è considerata virtuosa, nonostante il perdurare sottofinanziamento regionale rispetto ad altre ASL,

che l’allora riorganizzazione aveva avuto nell’approvazione della Conferenza dei Sindaci con l’indicazione di mantenere l’Ospedale per Acuti organizzato in due sedi, Dolo e Mirano e con accorpamento dei reparti doppioni e razionalizzazione dei servizi,

che in sede di approvazione definitiva delle Schede Ospedaliere cambiava invece la classificazione dei nosocomi, indicando Mirano Ospedale ad Area Chirurgica e Dolo ad Area Medica, unico esempio presente nella nostra Regione, ma sicuramente non funzionale e rispondente sia al necessario contenimento costi che ai bisogni territoriali

che le Nuove Schede Ospedaliere approvate, prevedendo una completa revisione e classificazione degli ospedali ed introducendo un nuovo modo nell’organizzazione dei servizi sanitari e sociali, non possono altresì essere attuate senza le conseguenti Schede Territoriali in definizione dei servizi e delle Strutture Intermedie definite in Ospedale di Comunità, Riabilitazione e Lungodegenza ed Hospice, programmabili nel territorio

Considerato

che è già stata programmata e definita La localizzazione di tali strutture senza l’approvazione delle Schede Territoriali e che è stato inoltre approvato a suo tempo l’Atto Aziendale che da avvio alla riorganizzazione delle Strutture e dei Servizi Ospedalieri prefigurando, di fatto, qualsiasi nuova e più razionale proposta in sede di approvazione delle Schede Territoriali

che è proprio su questo tema che va avviata una riflessione anche al fine di non depauperare il patrimonio di capacità gestionali e tecniche esistente nella nostra ASL, raggiunte in particolar modo nell’Ospedale di Dolo, ma attualmente messo in discussione ma va ripensato anche l’utilizzo del patrimonio edilizio dismesso e disponibile per le Strutture Intermedie indicate dal Piano Sanitario in alternativa alla sola disponibilità offerta dai privati

che considerato l’attivo di bilancio e il considerevole avanzo di gestione della nostra ASL, non sia possibile consentire l’utilizzo di tale risorse per altri scopi come ipotizzato dalla Regione, se non quello di rinforzare la sanità della nostra ASL ed in particolare dell’Ospedale di Dolo, oltre ai servizi in Riviera del Brenta, un territorio fragile e complesso, in un bacino di utenza di quasi 150mila abitanti, sui 270mila che vivono nell’intera area dell’attuale Ulss.

che se la Regione Veneto ritiene necessario anche definire il nuovo riassetto territoriale delle USSL su cui ricalibrare anche le ASL proprio per una diversa e risposta ai bisogni di servizi per i prossimi anni e che tale nuovo disegno potrà interessare anche il territorio dell’attuale USLL 13, senza queste importantissime scelte preliminari, qualsiasi attuazione delle Schede Sanitarie pregiudicherebbe in maniera irreversibile il futuro dei presidi ospedalieri esistenti nell’USL 13 con particolare riferimento a quello di Dolo,

che attualmente a Dolo esiste l’Ospedale per Acuti con idonee e sufficienti condizioni per essere classificato Ospedale di Rete, considerata anche l’ideale posizione geografica che lo colloca proprio a metà strada da Mestre e Padova e da Piove di Sacco e Mirano, un bacino di utenza molto superiore agli abitanti residenti che si troverebbero senza alcun riferimento sanitario ed ospedaliero presente e programmato invece in altri bacini territoriali simili al nostro

che tale nosocomio possiede un patrimonio immobiliare derivante da lasciti, da rivalutare e riconvertire o ricapitalizzare secondo quanto previsto dalle leggi e normative regionali recentemente adottate al fine di poter essere completamente autonomo ed autosufficiente sia nella spesa per investimenti che per la riorganizzazione e finanziamento di quella corrente, in aggiunta a quanto viene assicurato dalla quota capitaria, pur rimanendo questa tra le più basse di tutte le USSL nella Regione Veneto.

Il consiglio comunale di ………… impegna il Sindaco

A chiedere:

– la temporanea sospensione dei provvedimenti relativi all’Atto Aziendale già predisposto dal Direttore Generale, in attesa degli indirizzi sia relativi alle Schede Territoriali che sulle nuove USLL, oltre a non definire con scelte irreversibili anche la collocazione delle Strutture Intermedie direttamente funzionali ai nuovi riassetti territori delle USLL;

– impegnare in tal senso la Conferenza dei Sindaci per i provvedimenti di competenza, ed inoltre, per una audizione specifica con la V° Commissione Consigliare della Regione Veneto, indicando e richiedendo una diversa definizione e modifica delle Schede Ospedaliere adeguandole a seguito delle decisioni che la Giunta ed il Consiglio Regionale prenderanno sia sulle Schede Territoriali che sulle eventuali nuove USLL,

– di prevedere, come in tutte le atre ASL del Veneto, una gestione di Ospedale di Rete in due sedi (Mirano e Dolo) come sta avvenendo nelle altre ASL che presentano analogie con la nostra e sospendendo l’attuazione della inutile, artificiosa
definizione di area medica e chirurgica, che appare anche inutilmente costosa oltre che rischiosa, bloccando i  preventivati e già programmati trasferimenti di reparti da un presidio all’altro.

“Blocca lo Sblocca Italia”, difendi la tua terra!

Posted by Opzione Zero in Appuntamenti | 0 Comments

10

ott

2014

NoSbloccaItalia_banner

 

Partecipa alla campagna contro il decreto che distrugge il belpaese

Mercoledì 15 e giovedì 16 Ottobre (ore 10-14) a Roma (P.zza Montecitorio) due giorni di presidio di comitati e cittadini davanti al Parlamento.

Care e cari,
Opzione Zero sostiene e invita ad aderire, come singoli e/o organizzazioni, all’appello lanciato dal Forum dei Movimenti per l’Acqua contro il decreto “Sblocca Italia”, uno dei provvedimenti più devastanti per l’ambiente, il welfare e le economie italiane.

Cliccare qui per leggere le istruzioni per l’adesione.

In proposito, segnaliamo il libro di Altreconomia “Rottama Italia”, scaricabile gratuitamente cliccando qui : in cui si parla anche di Orte-Mestre. E’ un regalo, un PDF da diffondere per animare il dibattito intorno a una legge probabilmente incostituzionale che il governo andrà ad approvare entro il prossimo 12 novembre.

Partecipate e diffondete !!!

 

2014_09_20_manifestazione

 

SERVIZIO RAI TGR

SERVIZIO ANTENNA TRE

——————

CLICCARE QUI PER VEDERE LE FOTO

——————

 ARTICOLO DEL FATTO QUOTIDIANO

ORTE-MESTRE, PROTESTA CONTRO L’AUTOSTRADA. LEGAMBIENTE: “PROGETTO ISOSTENIBILE”

Il 20 e il 21 settembre in cinque regioni la mobilitazione contro l’opera approvata dal Cipe. Per l’associazione ambientalista i flussi di traffico previsti sono talmente bassi da imporre tariffe alte. Così “più cittadini e trasportatori si riverseranno sulle strade normali rendendo impossibile il rientro del capitale investito” CLICCA E LEGGI

 ——————

Ore 09.30-10.00 ritrovo attivisti in bicicletta presso parcheggio del supermercato Lando in Romea a Mira. Trasferimento in bici lungo la statale fino all’incrocio di Giare

Ore 10.45-13.00 Presidio presso l’incrocio sulla SS 309 Romea a Giare di Mira con azioni di sensibilizzazione e “traffic calming”

Ore 13.30-15.00 Spuntino collettivo presso lo Squero a Dolo in collaborazione con Osteria dai Kankari

Ore 15.30-21.00 Festa a Dolo con stand informativi di associazioni e comitati, produttori agricoli locali, laboratori, magna&bevi

ore 18.30 concerto con il gruppo OSTERIA DEI PENSIERI 

 

PARTECIPA E DIFFONDI!!!!

 

Il 20-21 settembre la rete Nazionale Stop Orte-Mestre ha indetto due giornate di mobilitazione nazionale in tutti i territori minacciati dalla nuova grande opera. La Riviera del Brenta c’è!!

 

La Orte-Mestre, la nuova autostrada di 400km, è un’opera inutile, distruttiva, bocciata pure dalla Corte dei Conti perché rischia di creare un “buco” di almeno 10 miliardi di euro. Eppure il Governo Renzi, con il decreto”Sbanca Italia”, vuole portarla avanti a tutti i costi infischiandosene dei rischi per le casse pubbliche, degli impatti ambientali, delle comunità e delle amministrazioni che chiedono di spendere questi soldi  in modo più intelligente , per esempio mettendo subito in sicurezza la Romea.

La verità è che questa autostrada serve solo a chi la fa, serve alle cricche mafiose del cemento che dopo il MOSE vogliono mettere le mani su un “bottino” ancora più succulento. A pagare saranno sempre e solo i cittadini e i lavoratori con tagli ai servizi e al welfare, tasse e disoccupazione!!

Basta con la mafia delle grandi opere, con i colpi di mano autoritari di un Governo irresponsabile, con una classe politica inadeguata e arraffona: il fronte del no alla Orte-Mestre è ogni giorno più forte e più ampio, sempre più determinato a impedire la distruzione delle terre e  delle vite di chi ci abita. Per far ripartire il Paese bisogna redistribuire la ricchezza, bisogna rimettere al centro il lavoro vero, i diritti delle persone, l’ambiente e la salute.

 

Hanno già aderito e sostengono l’iniziativa: Legambiente Riviera del Brenta, Legambiente Saonara, Associazione per la Decrescita Salzano, LIBERA, Emergency, Osteria dai Kankari, CIA (Confederazione Italiana Agricoltori Venezia), Comitato No Grandi Navi…

 

Comunica la tua adesione personale o dell’organizzazione che rappresenti a info@opzionezero.org

 

TUTTE LE INIZIATIVE ORGANIZZATE DAI NODI LOCALI DELLA RETE STOP ORTE-MESTRE:

Riviera del Brenta: i comitati si attivano per un’intera giornata con manifestazione al mattino sulla SS 309 Romea in località Giare di Mira (ore 10.30) e festa in piazza a Dolo nel pomeriggio (dalle ore 15.00) ;

– A Cesena il coordinamento Stop Or-Me ha indetto una biciclettata domenica 21 con partenza alle ore 14.30 dalla stazione dei treni di Cesena;

– La rete di Terni organizza un presidio con volantinaggio al casello dell’autostrada A1 a Orte sia sabato che domenica pomeriggio;

– In Umbria il Coordinamento Umbro – No E45 Autostrada organizza sabato 20, alle ore 15.30, un assemblea popolare con i cittadini a Deruta, presso l’Hotel Asso di Coppe; in contemporanea volantinaggi in altre città;

– Altri presidi e volantinaggi sono previsti venerdì in piazza a Adria, sabato a Cavarzere e a Ravenna domenica a Piove di Sacco nel padovano e alla chiusa di S.Marco a Ravenna;

– Il coordinamento Stop Al Consumo di Territorio di Argenta sarà presente con striscioni e volantini all’incrocio tra la vecchia SS 16 e la Strada S. Antonio;

– Infine la Legambiente dell’Emilia-Romagna organizza un tour regionale nei paesi minacciati dall’autostrada per lunedì 22;

 

——————–

 

Alcune note informative per attivisti e simpatizzanti:

– ore 9.30-10 per tutti quelli che vengono in bici ritrovo presso il parcheggio del supermercato Lando nei pressi della Romea a Mira;

Partenza da qui verso il presidio di Giare alle ore 10.20 (circa 2,5 km lungo la Romea)
Per motivi di sicurezza ci si muove tutti insieme tenendo la destra e senza occupare tutta carreggiata; saremo comunque scortati dai vigili urbani.

– ore 10.30-13.30 Presidio presso l’incrocio tra via Primo Maggio e la S.S. 309 Romea.
Si tratta di un incrocio pericoloso, perciò chiediamo a tutti di seguire scrupolosamente le indicazioni che verranno date dagli attivisti sul posto evitando di prendere iniziative personali non concordate; in ogni caso invitiamo tutti a prestare la massima attenzione!!!

 

E’ molto importante che ciascuno venga munito di pettorina arancione o gialla!!!

 

LA MANIFESTAZIONE SI SVOLGE CON QUALSIASI TEMPO

 

8 luglio 2014 ore 10 – Tutti da Renzi

Posted by Opzione Zero in Appuntamenti | 0 Comments

5

lug

2014

tutti_da_renzi

 

CLICCA E FIRMA LA PETIZIONE

CLICCARE SULL’IMMAGINE PER INGRANDIRLA

corriere_mobilitazione_08_luglio

venezia_7_giugno

7-8 GIUGNO TUTTI A VENEZIA PER FERMARE LE GRANDI NAVI.

GIORNATE DI MOBILITAZIONE PER SALVARE LA LAGUNA BENE COMUNE

CONTRO LE GRANDI OPERE

venezia_07_06_2014

CLICCARE SULL’IMMAGINE PER VEDERE TUTTE LE FOTO

 

La battaglia contro le Grandi Navi a Venezia è arrivata a un punto cruciale.

Da quando due anni fa è nato il movimento di cittadini che si batte contro i mostri del mare, numerose indagini hanno dimostrato come queste “grandi opere galleggianti” danneggino irreparabilmente un ecosistema fragile come quello della laguna veneziana, attentando ogni giorno alla nostra salute: dall’inquinamento atmosferico causato dalle polveri sottili, pari alle emissioni di 14.000 automobili, a quello elettromagnetico, provocato dai radar costantemente accesi delle navi attraccate nel cuore del popolato quartiere di Santa Marta, dall’erosione dei fondali, che avviene al loro passaggio, allo spostamento di masse d’acqua enormi, che danneggiano rive e palazzi e molto altro ancora.

Ma numerose sono state anche le battaglie che ci hanno visto protagonisti e con le quali abbiamo tentato in tutti i modi di interrompere questo disastro, utilizzando le nostre barche e i nostri corpi, opponendoci a chi da Roma voleva decidere del destino della nostra città.

Tutto questi sforzi sono riusciti a far emergere la drammaticità di questa situazione veneziana, non solo sul piano nazionale, ma anche su scala internazionale. Siamo riusciti a ottenere che l’amministrazione locale si schierasse e a costringere il governo centrale a occuparsi del problema. Ma le cosiddette “soluzioni” attorno alle quali si stanno accordando il ministro delle Infrastrutture Lupi, quello dell’Ambiente Galletti e le lobby della crocieristica sono tra le peggiori che ci potessimo aspettare. Lo scenario potrebbe addirittura essere quello dell colpo di grazia per la Laguna veneta, già resa fragile dal passaggio delle navi da crociera e da cinquant’anni di politiche di sviluppo insostenibili e azzardate.

Come tutte le grandi opere, il previsto scavo del canale Contorta-Sant’Angelo è imposto da quei poteri forti che vogliono mantenere la centralità dell’attuale Terminal Passeggeri alla Marittima, e che si coagulano attorno alla figura di Paolo Costa (ex rettore di Ca’ Foscari, ex sindaco di Venezia, ex ministro delle Infrastrutture e Trasporti, ex commissario governativo per la realizzazione della base USA Dal Molin a Vicenza). Quando Costa parla di “ricalibrare” il canale Contorta-Sant’Angelo, attualmente già esistente, profondo meno di 2 metri e largo circa 4, cerca in realtà di vendere un’operazione invasiva e distruttiva: uno scavo che lo porterebbe a 10 metri di profondità e una larghezza di 200, nel bel mezzo della laguna. Sarebbe come “ricalibrare” un sentiero di montagna in un’autostrada! Le conseguenti erosioni dei fondali, e il collegamento diretto tra il canale dei Petroli e il cuore del centro storico di Venezia, renderebbero la città un vero e proprio braccio di mare, sempre più vulnerabile alle ondate di marea.

Tutto questo quando le alternative per vietare subito il transito in laguna delle grandi navi incompatibili e per portare fuori dalle bocche di porto il loro approdo, mantenendo e anzi creandi nuovi posti di lavoro, sarebbero a portata di mano!

Di fronte a questa situazione, a un passaggio fondamentale della battaglia di un’intera città, Venezia, per il proprio futuro di comunità, invitiamo tutte e tutti a una nuova straordinaria mobilitazione: non solo per riaffermare che le grandi navi devono stare fuori dalla Laguna, ma anche per dare più forza a tutte le lotte che ci vedono impegnati, per ribadire che i beni comuni non possono essere svenduti o messi a profitto, per contrastare la logica della distruzione del territorio e quella delle grandi opere che favoriscono l’intreccio tra affari e politica, cioè sempre le stesse lobby che, dal Passante al project financing ospedaliero, dalla Pedemontana al Mo.S.E., dall’autostrada Mestre-Orte fino allo scavo del Contorta grandi navi, sostengono questi progetti inutili e devastanti, fino ad alimentare le cosiddette “economie criminali”.

La battaglia per allontanare definitivamente i “mostri del mare” dalla Laguna è arrivata ad uno snodo decisivo: la posta in gioco è alta e deve essere compresa da tutti sia a livello nazionale sia internazionale. A tutte le realtà sociali e a tutti i cittadini di Venezia, ma non solo, chiediamo quindi di costruire e partecipare insieme a noi a due giornate d’iniziativa per fermare una volta per tutte le grandi navi, per impedire che queste “grandi opere galleggianti”, i poteri forti e gli interessi parassitari che le governano, continuino a entrare nella nostra città. Perché la laguna torni a essere un bene comune per chi la vive e la difende.

Sabato 7 e domenica 8 giugno vi invitiamo tutte/i a manifestare con noi a Venezia!

Assemblea NoGrandiNavi

Venezia, 14 maggio 2014

 

volantino_mirano

 CLICCARE SULLE IMMAGINI PER INGRANDIRLE

volantino_mirano_retro

CHI E’ INTERESSATO SI PRENOTI ALLO 041.479594

 


CHI E’ INTERESSATO SI PRENOTI ALLO 041.479594

Ostaria Dai Kankari e Bandera Florida presentano L’ennesiMAFIAba
Una cena per la legalità – Giovedì 20 Marzo alle 20:00

L’edizione estiva de “L’ennesiMAFIAba” dello scorso anno ha visto tutte le più importanti realtà attive nel territorio per la lotta alla mafia ed il recupero dei beni confiscati salire sul palco dell’Ostaria Dai Kankari per un confronto costruttivo sui progetti in atto e per fare informazione.

Adesso ci incontriamo nuovamente per una cena che vuol fare il punto sulle varie iniziative intraprese lo scorso anno dalle associazioni e per cogliere l’occasione di raccogliere fondi in vista dei campi estivi sulle terre confiscate alla mafia a Campolongo Maggiore.

Una cena organizzata con la collaborazione della bottega “BANDERA FLORIDA”, con i prodotti di Libera e del Commercio Equo e Solidale. A seguire le associazioni saliranno sul nostro palco per parlarci dei vari progetti passati e per presentare quelli futuri.

ANTIPASTI
-Polpette di riso con erbette
e castelmagno
-Sformatino di verdure
-Frittata con erbe di campo
-Crostino di pane bio
con hummus di ceci di Libera

PRIMI PIATTI
-Pasta fresca con carciofi e crema
di carciofi di Libera
-Pasticcio di cipolla ed erbette

SECONDI PIATTI
-Formaggi misti e fusi
-Contorni di stagione dell’orto
Acqua naturale e frizzante
vino rosso della casa
Costo degustazione 23,00 € (di cui 6,00 verranno devoluti per la realizzazione dei campi estivi a Campolongo Maggiore)

 

Una iniziativa in collaborazione con

LIBERA – Presidi del Miranese e della Riviera del Brenta
AFFARI PULITI
OPZIONE ZERO
BECCOGIALLO EDIZIONI

Sabato 22 febbraio ore 9 ad Adria – Partecipiamo al convegno

Posted by Opzione Zero in Appuntamenti | 1 Comment

14

feb

2014

In occasione della giornata di mobilitazione nazionale

—————–

IL VENETO AFFOGA NEL CEMENTO

Basta consumo di suolo, fermiamo grandi opere inutili e dannose

—————–

Sabato 22 febbraio ore 9 ad Adria presso l’agriturismo – centro convegni Amolara è in programma un convegno per propagandare la costruzione della Nuova autostrada Romea.

Al convegno sono stati invitati tra gli altri anche il ministro Lupi e l’assessore veneto Chisso.

Invitiamo a partecipare numerosi per dire che questa è un’opera costosa, devastante e inutile che impatta sul territorio già in questi giorni sofferente per i numerosi allagamenti causati dall’incuria e dalla cementificazione.

VI ASPETTIAMO

————

Chi desidera partecipare invii una mail ad  info@opzionezero.org per ricevere informazioni  su orario e sede ritrovo partenza dalla Riviera del Brenta

 

 

Mercoledi’ 29/01/14 – Cazzago. Strade senza uscita.

Posted by Opzione Zero in Appuntamenti | 0 Comments

18

gen

2014

 

 

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui