Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Emendamento del Pd in Regione: l’obiettivo è di ottenere quattro dei 19 milioni previsti

MIRANO – Emendamento del Pd in Regione: «Nel prossimo bilancio trovare i soldi per le opere complementari al Passante per Mirano». Dunque ci si riprova: dopo il nulla di fatto dell’anno scorso, in settimana Bruno Pigozzo ha presentato in Consiglio regionale un nuovo emendamento alla manovra finanziaria, per chiedere a Luca Zaia e alla sua giunta di trovare le risorse necessarie a sbloccare almeno la prima trance di pagamenti per infrastrutture e sicurezza stradale a Mirano. La città attende 19 milioni di euro che, probabilmente, non arriveranno mai. Il Pd chiede però di destinare subito almeno quattro milioni per le opere più urgenti.

«Al fine di dar seguito all’accordo di programma sottoscritto il 15 febbraio 2010», si legge nella proposta di modifica al documento di bilancio, «finalizzato alla creazione nel comune di Mirano degli interventi di viabilità ordinaria complementari alla realizzazione del Passante autostradale e delle opere di mitigazione e compensazione dell’ammontare complessivo di 19 milioni di euro, la giunta regionale è autorizzata a erogare al Comune di Mirano un contributo straordinario per l’esercizio 2014 di quattro milioni di euro».

Nell’emendamento il Pd suggerisce di prelevare la somma dal capitolo di bilancio riservato agli “interventi strutturali per la viabilità regionale, provinciale e comunale”.

Dunque Mirano torna a sperare. L’emendamento del Pd dovrà ora essere posto ai voti: il gruppo ci aveva provato già un anno fa, senza esito. Tra i due tentativi c’è però l’impegno dell’assessore regionale Renato Chisso a considerare ancora valido l’accordo di programma sulle opere complementari e, dunque, anche quello a erogare, magari in singole tranche, i 19 milioni che spettano alla città.

Filippo De Gaspari

link articolo

 

MIRANO – «Destinare subito quattro milioni di euro al Comune di Mirano, per consentire la realizzazione delle opere complementari al Passante». La questione è nota da anni, ora torna d’attualità: il consigliere regionale Bruno Pigozzo (Pd) giovedì ha presentato un emendamento al bilancio regionale 2014 chiedendo alla giunta Zaia di destinare al Comune di Mirano almeno una prima tranche dei 19 milioni di euro pattuiti con l’accordo di programma relativo al Passante di Mestre.

Per realizzare rotatorie, piste ciclabili e altre opere stradali chieste a gran voce dai cittadini, l’amministrazione Pavanello attende da tempo lo stanziamento di quei soldi da parte della Regione. In questi giorni i consiglieri stanno discutendo proprio il bilancio 2014 in vista dell’imminente approvazione, Pigozzo chiede che vengano previsti almeno quattro milioni per Mirano.

Lo scorso novembre il sindaco Maria Rosa Pavanello ha incontrato l’assessore regionale Renato Chisso nel tentativo di sbloccare la situazione, ora il bilancio sta per essere approvato e Mirano si aspetta risposte concrete. Ma, se davvero arrivassero entro la fine dell’anno questi quattro milioni tanto agognati, come sarebbero utilizzati? Da mesi il sindaco ha fatto sapere che le priorità sarebbero: rotatoria tra le vie Dante, Mariutto e Villafranca, messa in sicurezza di via Scaltenigo, ciclabile Mirano-Scaltenigo e installazione nel territorio di 50 punti di videosorveglianza.

(g.pip.)

 

 

MIRANO – Stretta finale sull’Unione dei Comuni. Entro fine mese la delibera sul progetto arriverà in tutti i Consigli comunali e c’è una proposta anche sul nome: “Unione dei comuni delle Terre del Tiepolo”. In questo modo la vocazione turistica, una delle armi su cui puntare per promuovere il territorio, sarebbe già nel titolo.

Si è discusso anche di questo nell’incontro di giovedì sera in parrocchia di S. Leopoldo Mandic a Mirano, dove a parlare di Unione dei comuni sono stati esperti del settore chiamati a raccolta dalle Acli.

Il progetto subirà una decisa accelerata già dai prossimi giorni. Mirano, Noale, Spinea, S. Maria di Sala e Salzano vogliono stringere i tempi e portare le delibere nei rispettivi parlamentini locali già entro la fine di marzo. Resta ai margini, per ora, Martellago, che vuole prima definire bene alcuni aspetti, ma i “grandi” non sono disposti a rinvii, anche perché due dei cinque (Spinea e Noale) nei prossimi mesi entreranno in campagna elettorale e il progetto rischia poi di essere rinviato a chissà quando. Invece l’ente sovracomunale potrebbe essere realtà già in primavera: oggi i sindaci saranno a Martellago per provare a convincere una tentennante Monica Barbiero. Non c’è storia (e non c’è mai stata) invece per Scorzè, fuori per scelta fin dall’inizio. Dunque per ora sarà un’Unione a cinque. I comuni condivideranno almeno quattro funzioni: polizia locale, protezione civile, personale e una tra servizi sociali e politiche giovanili. Sede di rappresentanza sarà Villa Belvedere a Mirano, “Terra dei Tiepolo” si legge nei depliant turistici della città. In futuro, forse, anche in quelli di tutto il comprensorio.

(f.d.g.)

link articolo

 

Gazzettino – Miranese. Unione, Martellago frena.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

8

mar

2014

AUTONOMIE – Proposta delle Acli, il comprensorio miranese intitolato a Tiepolo

Entro fine mese i municipi approveranno lo statuto sui servizi comuni

Stretta finale sull’Unione dei Comuni del Miranese: entro fine marzo lo statuto arriverà nei vari consigli comunali, intanto dal circolo Acli di Mirano arriva una suggestiva proposta: perché non chiamarla “Unione dei Comuni delle terre del Tiepolo»? A Mirano molti vedono di buon occhio questa ipotesi, intesa come operazione di marketing per valorizzare il patrimonio culturale del comprensorio. Ma ben prima del nome dell’Unione andranno definiti altri aspetti. Innanzitutto va registrata una frenata da parte del Comune di Martellago: i sindaci di Mirano, Spinea, Noale, Salzano e Santa Maria di Sala sono pronti al grande passo, quello di Martellago temporeggia e chiede di approfondire studi e cifre sul progetto. Scorzé si è già chiamato fuori da tempo, Pianiga assiste interessato.

In ogni caso la strada è tracciata: l’Unione andrà in porto, nelle prossime settimane lo statuto sarà discusso nei vari consigli comunali ed entro giugno il progetto sarà sancito. Restano da sciogliere alcuni nodi legati soprattutto alla gestione del personale: oggi è in programma un nuovo incontro, proprio in Municipio a Martellago. I sindaci sono convinti che l’Unione permetterà di tagliare i costi, rendere più efficienti i servizi, attingere a finanziamenti regionali ed europei, e avere un maggior peso politico a livello regionale.

Giovedì sera a Mirano si è tenuto un convegno Acli moderato dal giornalista Pietro Ruo, cui hanno preso parte decine di amministratori locali. Anche in questa sede è stato confermato che i servizi unificati saranno quattro: si accorperanno di sicuro Polizia locale (la sede centrale sarà in un’ala di Villa Belvedere a Mirano), Risorse umane e Protezione civile, nei prossimi mesi si discuterà pure su Politiche sociali e Politiche giovanili. Il presidente dell’Unione cambierà di anno in anno: se rivincerà le elezioni il primo a ricoprire la carica dovrebbe essere il sindaco di Noale Michele Celeghin, uno dei più convinti sostenitori del progetto.

Gabriele Pipia

 

 

Mirano: il Comitato Salvioli rilancia e scrive una lettera al governatore Zaia

Il direttore dell’Asl 13 replica: «Un parere non può cambiare i nostri programmi» 

MIRANO «Subito il via ai lavori per il terzo monoblocco dell’ospedale». A rilanciare l’annosa questione è il comitato Carlo Salvioli, che ha scritto in Regione al governatore Luca Zaia e agli assessori Luca Coletto e Remo Sernagiotto.

«L’obiettivo», spiega il coordinatore del Salvioli, Aldo Tonolo, «è liberare l’area in locazione all’ente Mariutto, consentendo sia alla casa di riposo che all’ospedale di realizzare importanti plusvalenze dalla cessione dell’area del vecchio ospedale».

Il progetto è ambizioso, ma non nuovo. Prevede la riconversione dei vecchi edifici dell’ospedale in area residenziale di pregio, a pochi passi dal centro storico, con il nuovo ospedale ormai tutto proiettato a nord, dove è previsto il nuovo monoblocco De Carlo 3.

Per il Salvioli l’operazione va fatta ora, approfittando di una situazione che permetterebbe di definire la spesa in autofinanziamento.

«Prevedendo», spiega Tonolo, «un leasing immobiliare con un acconto di 10 milioni di euro già previsto nella Finanziaria regionale 2010, venti rate annuali da un milione di euro pagate con risparmi di gestione derivanti dalla locazione dell’area ospedaliera e un riscatto finale pagato con la vendita della quota di proprietà dell’Asl 13 dell’area liberata».

Il Salvioli dunque torna alla carica: lo fa dopo che nei mesi scorsi è circolata l’ipotesi di concentrare gli uffici amministrativi dell’Asl 13 nell’ospedale di Noale, di proprietà esclusiva dell’Asl. Cosa che invece non accade a Mirano, dove l’azienda sanitaria occupa edifici in locazione, di proprietà dell’ente casa di riposo Mariutto.

«Che però già versa in difficoltà economiche», spiega Tonolo, «e dove le entrate in locazione costituiscono parte fondamentale del bilancio. L’eventuale disdetta degli immobili in locazione per spostare gli uffici a Noale, penalizzerebbe il Mariutto per il calo delle entrate e l’impossibilità di riconvertire gli edifici in uso ospedaliero, ma anche lo stesso ospedale, visto che il permanere di Ostetricia-Ginecologia nei vecchi edifici non permette l’unificazione dell’unità Materno-Infantile.

La soluzione è il De Carlo 3, con un ospedale nuovo e la riconversione dell’area vecchia in zona residenziale, con i proventi in cassa al Mariutto».

«Prendiamo atto della proposta», è la replica gelida del direttore generale dell’Asl 13 Gino Gumirato. «Un parere del genere non può sostituirsi alla programmazione aziendale e regionale. Non è corretto presumere che ci comporteremo in un certo modo e influenzare l’opinione pubblica con ricostruzioni di parte che non corrispondono alle reali volontà della direzione generale».

Filippo De Gaspari

link articolo

 

 

A Dolo e Mirano la percentuale di attesa oltre il previsto passa dal 23% al 9%

Dai 17 Comuni in arrivo ogni giorno oltre 1600 richieste di esami specialistici

MIRANO – Più del 90% delle richieste di prenotazione per visite ed esami in ospedale rispetta il codice di priorità indicato nella ricetta. Il dato emerge dal numero di segnalazioni negative arrivate negli ultimi mesi all’Ufficio relazioni con il pubblico dell’Asl 13 e che dipinge per la prima volta un taglio netto delle storiche liste d’attesa. Merito soprattutto della riorganizzazione del Centro unico di prenotazione (Cup) e della sinergia tra i 180 medici di famiglia di Miranese e Riviera e i gli ospedali di Mirano e Dolo.

«In un anno», spiega il direttore del Cup, Stefano Vianello, «la percentuale delle prestazioni per cui è stata rispettata la priorità è passata dal 77,34% del primo trimestre 2013 al 91,71% del quarto. Se consideriamo tutto l’anno: le 25.165 prescrizioni con priorità B (cioè breve, da eseguire entro 10 giorni), sono state evase in media entro sette giorni. Le 44.630 richieste con priorità D (differibile, cioè visite da effettuarsi entro 30 giorni o prestazioni strumentali da farsi entro due mesi), in 22 giorni. Infine quelle P (programmabili, entro 180 giorni) sono state fatte in una quarantina di giorni».

Tempi che l’Asl sta monitorando giorno per giorno. Sotto la lente di ingrandimento ci sono soprattutto le cosiddette “prime visite”, circa un centinaio di esami codificati dal Ministero della Salute e dalla Regione come i più importanti dal punto di vista clinico, tra cui rientra la gran mole di esami radiologici.

«Riceviamo ogni giorno circa 1.600 richieste di prenotazione», continua Vianello, «di queste il 20% rimaneva fuori, allungando così i tempi di attesa per l’utente. Per evitare che il cittadino attendesse più del dovuto per la sua visita o decidesse di rivolgersi a un’altra struttura, abbiamo coinvolto i medici di famiglia, il Cup e i reparti».

In pratica l’Asl 13 sta ora lavorando su due fronti: il primo prevede che quel 20% di ricette che superano i tempi di attesa previsti dalla direttiva regionale venga valutato in base al quesito clinico e ai codici di priorità, fornendo un ritorno al medico prescrittore per migliorare la qualità delle successive richieste. Il secondo invece prevede che si potenzi la presa in carico del paziente per cui, una volta effettuata la prima visita, i controlli successivi possano essere prenotati direttamente dallo specialista, come accade a Cardiologia, Urologia e Oculistica.

Filippo De Gaspari

link articolo

 

Ogni giorno arrivano circa 1600 richieste

Al centro prenotazione dell’Asl 13 di Dolo e Mirano ridotti i tempi d’attesa per le visite. Ogni giorno arrivano circa 1.600 richieste di prenotazione di visite: oltre il 91% rispetta il codice di priorità. Grazie alla sinergia con i 180 medici di famiglia presenti nei comuni della Riviera e del Miranese e con i reparti ospedalieri di Dolo e Mirano, il Cup della 13 ha avviato un percorso di collaborazione per garantire la prenotazione degli esami nei tempi previsti dalla Regione.

«È nostro dovere garantire »il giusto tempo della salute” – ha sottolineato il direttore generale dell’Azienda sanitaria Gino Gumirato – un segno di civiltà e di attenzione verso i cittadini”.

In pratica le indicazioni regionali prevedono che nella codificazione della ricetta rossa, la «U» sta per Urgente e viene licenziata in giornata; la «B» sta per Breve e deve essere eseguita entro 10 giorni; la «D» significa Differibile (visite entro 30 giorni, prestazioni strumentali entro 60); infine la «P» per Programmabile (entro 180 giorni).

«Nell’ultimo anno – spiega Stefano Vianello, Cup manager e direttore del Distretto sociosanitario di Spinea – la percentuale delle prestazioni per cui è stata rispettata la priorità è passata dal 77,34% del primo trimestre 2013 al 91,71% del quarto trimestre. Se consideriamo tutto l’anno si possono misurare i progressi: le prescrizioni (25.165) con priorità »B” sono state evase entro una media di 7 giorni; le richieste (44.630) con priorità «D» entro 22 giorni; infine quelle «P» entro una quarantina di giorni”.

A testimoniare i progressi nel rispetto delle priorità c’è il numero di segnalazioni negative all’Urp che sono «più che dimezzate».

Particolare attenzione anche alla cosiddette «prime visite» per le quali l’Asl 13 sta lavorando su due fronti: con i medici di famiglia e con gli specialisti per valutare quesiti clinici e codici di priorità soprattutto per quanto riguarda alcuni reparti tra i quali il cardiologico, l’urologico e l’oculistico.

Luisa Giantin

 

MIRANO «Convenzione tra Cav e Anas avvolta nel mistero» e il deputato Emanuele Cozzolino (M5s) presenta un’interrogazione al Governo Renzi.

«In Italia è più facile conoscere un segreto di Stato che prendere visione di una convenzione autostradale», afferma il deputato a 5 stelle, «questa è la conclusione a cui sono arrivato dopo che da più di un mese e in via ufficiale ho chiesto di poter avere copia della convenzione autostradale tra Anas e Cav del 2010 e del relativo decreto ministeriale, senza ottenere alcun risultato».

Così giovedì Cozzolino ha presentato un’interrogazione al ministro dei Trasporti Maurizio Lupi e a quello della Funzione pubblica Marianna Madia, per chiedere se esista qualche forma di secretazione a impedire l’accesso agli atti da parte di un parlamentare della Repubblica.

Cozzolino ha da tempo puntato gli occhi sulla questione della A4 tra Venezia e Padova, in gestione a Cav, soprattutto dopo i rincari di inizio anno.

«La vicenda degli aumenti dei pedaggi e degli eventuali sconti impatta non poco sui cittadini», conclude Cozzolino, «ma ogni via ufficiale per ottenere informazioni a riguardo sembra sbarrata da un muro di gomma».

(f.d.g.)

link articolo

 

Santa Maria di Sala entra nell’Expo 2015. A dirlo è il sindaco Nicola Fragomeni dopo la delusione manifestata in seguito alla risposta evasiva da parte del sindaco Orsoni in merito alla richiesta di inserire il comune salese, la villa Farsetti e il castello di Stigliano nel programma Expo 2015. Orsoni infatti avrebbe risposto in modo non gradito a Fragomeni ma i due, assicura quest’ultimo, si sono chiariti. Santa Maria di Sala quindi con la sua villa, il suo parco monumentale, il suo graticolato e il castello di Stigliano entrano a far parte del percorso ideato per quella che alcuni già chiamano «la passeggiata più bella d’Europa». Passeggiata che partirà da Venezia con i suoi ponti, le sue calli e i suoi canali e raggiungerà i paesi della Riviera e del Miranese.

«L’Unione dei Comuni insieme a Santa Maria di Sala – dice il sindaco Fragomeni – sta presentando il progetto per riqualificare il territorio e per pubblicizzare le peculiarità del graticolato romano e di villa Farsetti grazie all’incontro avvenuto tra il Comune di Venezia e quelli di interesse turistico tra cui il nostro».

Incontro infatti avvenuto il 22 gennaio come attesta il Comitato Expo 2015. I turisti partiranno quindi da Venezia, proseguiranno, dice Fragomeni, per Spinea, Mirano, Salzano, Noale e arriveranno a Santa Maria di Sala.

«Per noi è un’ottima opportunità per far conoscere i prodotti del nostro territorio e tutti ne trarranno vantaggio» conclude Fragomeni.

Serenella Bettin

 

 

Nel Miranese peggiorano le condizioni delle strade già dissestate. Al limite i fossi della rete minore

MIRANO. Il maltempo minaccia ancora il Miranese, ma questa volta i disagi arrivano dalle strade prima che dai canali. Asfalto colabrodo, già messo a dura prova dopo le piogge di febbraio, sabato letteralmente sbriciolato dopo una giornata di rovesci e temporali. È successo in diversi punti della viabilità comunale e provinciale del comprensorio, un po’ di tutto il territorio.

Buche pericolose si sono aperte in via Cavin di Sala e via Caltana a Mirano, in via Costituzione a Spinea e sulla Noalese a Santa Maria di Sala e Noale. Via Cornarotta a Salzano e via Volta a Scorzè ormai non fanno più testo: sono impraticabili. Sempre a Scorzè sabato si sono registrati i problemi maggiori, a causa di imprevisti allagamenti causati dalle intense piogge: protezione civile di nuovo al lavoro, soprattutto in via Rossini, via Dante e via Ronchi verso Noale.

Disagi anche in via Marini a Gardigiano e in via Campocroce. Per fortuna gli allagamenti hanno interessato solo la sede stradale, risparmiando stavolta le case, che comunque la protezione civile ha preferito dotare di sacchi di sabbia in via precauzionale. Tra ieri e oggi, se la pausa nelle precipitazione continuerà, anche la viabilità tornerà normale. Fiume Dese sotto controllo, così come il Marzenego e, più a sud, anche Muson e Lusore, che poche settimane fa avevano creato qualche apprensione.

A far paura sono stati i fossi della rete minore: sostenuti i livelli lungo i rii del graticolato romano, tra Caltana, Caselle e Campocroce: gonfi, ma senza tracimare, il Desman, il Caltana e la rete collegata. Un sabato sera vissuto in alcuni comuni del territorio con i volontari della protezione civile all’opera, in servizio di monitoraggio, come a Scorzè e per i cittadini con un nuovo inedito temporale fuori stagione con scrosci di pioggia, tuoni e lampi, proprio come in estate.

Filippo De Gaspari

link articolo

 

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui