Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

sabato_24_aprile_2021

 

 

Comunicato stampa coordinamento No Inceneritore Fusina 21-04-2021

I comitati tornano ad accerchiare Veritas alla vigilia della Liberazione

 

E’ prevista per sabato 24 aprile la nuova iniziativa di protesta indetta dai comitati e dalle associazioni che si battono contro l’inceneritore di Fusina: dalle ore 9.30 alle ore 12.00 si svolgerà un presidio che andrà letteralmente ad accerchiare la sede centrale di Veritas Spa in via Porto di Cavergnago a Mestre.

 

Eloquente lo slogan della manifestazione, “Tutte le Veritas che non sai”, che preannuncia un sit-in pacifico ma molto determinato a riaffermare con forza tutte le ragioni del no e le alternative possibili.

Saranno allestite 5 stazioni tematiche con tanto di pannelli informativi riguardanti gli impatti ambientali e sanitari dell’inceneritore, le alternative all’attuale gestione del ciclo dei rifiuti, le conseguenze per il clima, il pericolo PFAS, le reali motivazioni, gli interessi economici e le responsabilità politiche che stanno dietro a questo progetto e che continuano ad essere tenute nascoste da Veritas e soci.

Oltre al nutrito schieramento di associazioni e comitati metropolitani, ormai da due anni impegnati in questa difficile vertenza, particolarmente qualificante sarà la presenza di ISDE (Medici per l’Ambiente) insieme a molti medici e pediatri del territorio, promotori nei mesi scorsi dell’appello pubblico al Presidente regionale Zaia per l’avvio dei biomonitoraggi. Importante e nutrita sarà anche la presenza dei giovani di Fridays for Future, già protagonisti alcuni mesi fa con l’occupazione della stessa sede di Veritas, che torneranno a ribadire l’urgenza di una vera transizione ecologica in contrapposizione alle ingannevoli politiche “green” di facciata.

Infine significativa sarà la partecipazione di delegazioni dei comitati padovani mobilitati contro il revamping dell’inceneritore patavino gestito da Hera, e dei movimenti vicentini impegnati sul fronte del grave inquinamento da PFAS. Un modo per significare non solo lo stretto rapporto di collaborazione tra le diverse organizzazioni, ma anche le sempre più chiare connessioni tra gestione delle bonifiche dei territori inquinati e le attuali politiche di potenziamento degli inceneritori per lo smaltimento di fanghi e rifiuti contaminati. Una sinergia che troverà ulteriore conferma il giorno dopo, il 25 aprile a Vicenza, dove il movimento NO PFAS ha organizzato un presidio nei pressi del Tribunale in vista dell’avvio del processo contro l’azienda Miteni e i responsabili del disastro ambientale.

Il programma della manifestazione prevede una serie di interventi sui principali temi a partire dalle ore 10.00; in contemporanea si svolgeranno laboratori per bambini e adulti e sarà possibile approfondire e discutere presso le diverse stazioni; a seguire, al termine della mattinata, la catena umana che circonderà la sede di Veritas.

“In questi mesi difficili condizionati dalle limitazioni anti Covid non siamo stati fermi – dichiarano alcuni esponenti dei comitati – ci siamo concentrati sul ricorso al TAR che andrà ad udienza di merito il 23 giugno, abbiamo approfondito molti aspetti tecnici, dato avvio ad inchieste di cui vedremo i risultati nei prossimi mesi, intrecciato importanti relazioni con altri movimenti e organizzazioni. Ora è il momento di tornare in piazza e lo facciamo non casualmente alla vigilia della Festa della Liberazione; perché il miglior modo di ricordare la fine del nazifascismo e di dare valore alla Costituzione nata dalla Resistenza, è quello di lottare ogni giorno e in ogni dove contro i soprusi, per la difesa della libertà e dei diritti universali, in questo caso per il diritto alla salute, ad un ambiente sano, e a un futuro sicuro per tutti. Invitiamo i cittadini e le cittadine del veneziano a vincere le paure, e a tornare ad essere protagonisti della difesa del proprio territorio partecipando in prima persona alla manifestazione di sabato prossimo”.

I comitati sottolineano che la manifestazione è autorizzata e si svolgerà nel pieno rispetto delle norme anti contagio.

 

Manifestazione promossa da: Comitato Opzione Zero, Medicina Democratica, Assemblea contro il rischio chimico Marghera, Malacaigo, Ambiente Venezia, Ecoistituto Alex Langer, Eddyburg, Cobas autorganizzati Comune di Venezia, Società della cura Venezia, Quartieri in Movimento, Mira 2030, FFF Venezia-Mestre, Forum dell’Aria, Comitato Difesa Ambiente e Territorio Spinea, Marghera libera e pensante, WWF Venezia, Comitato No Grandi Navi, Associazione Valore Ambiente, Associazione APIO onlus, Coordinamento associazioni ambientaliste Mares Mogliano, Associazione Progetto Nascere meglio Mestre, Casa del Popolo Cà Luisa, Movimento Decrescita Felice – circolo di Venezia – PFAS-Land, Comitato 0 PFAS Padova, ISDE Medici per l’Ambiente, Tutta la Città Insieme

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui