Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Sono partiti alle 9 del mattino da piazza dei Signori per dire no al traforo della Valsugana. Arrivati a Castagnole a loro si sono aggiunti altri ciclisti, e così a Montebelluna, Asolo fino a San Zenone. Quando sono arrivati a Romano d’Ezzelino i ciclisti del comitato che si batte per salvaguardare il massiccio del Grappa erano una trentina ed hanno trovato ad attenderli tutti gli altri partecipanti alla pacifica manifestazione di protesta fatta di giochi, cibo, aria aperta e animali. «È stata dura per il grande caldo» racconta Michele Zoccarato, «ma ci siamo diverti. È stata una biciclettata e una manifestazione colorata e divertente per una causa giusta che coinvolge molte persone».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui