Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

A PIEDI – Disservizi quotidiani e continui sulla linea Mestre-Padova: anche ieri proteste

Altra giornata no per il trasporto ferroviario veneto, paradossalmente all’indomani della presentazione in commissione regionale (tra le facili ironie dei pendolari) del nuovo orario cadenzato.
I problemi hanno riguardato in particolare la linea Mestre-Padova e ritorno, con ritardi e cancellazioni di convogli in qualche caso senza nessun avviso agli utenti, alcune centinaia e visibilmente imbufaliti. E’ accaduto in particolare col treno delle 13, proveniente da Verona e diretto a Venezia: nessuna indicazione particolare sul tabellone fino alle 13.10, quando appare il primo timido avviso di ritardo, 5 minuti: giusto in tempo per far perdere ai viaggiatori la possibilità di salire sul Frecciargento delle 13.09. Col tempo che passa (alle 13.19 il ritardo segnalato è di… 15 minuti) e in assenza di altre informazioni i passeggeri si rivolgono a due ferrovieri, che si attivano col telefono, lei a chiamare il treno (che non risponde), lui il centro operativo: che gli confida (segretamente, perchè l’avviso non viene dato ai passeggeri) che il treno è stato soppresso. E qui inizia la pantomina, perchè nonostante sia noto al fantomatico centro operativo che il treno non c’è più, il tabellone si sbizzarrisce con le segnalazioni dei ritardi: 25 minuti, poi 40, poi 45, fino alla cancellazione, ma solo alle 13,26. Inutile dire che i due treni successivi (Freccia esclusa) sono a loro volta in ritardo.
Degno coronamento di una giornata iniziata male: «Anche quello delle 8.55 da Mestre per Padova è stato cancellato – dice Alissa di Mogliano – Avevo un esame e ho dovuto prendere una Freccia, spendendo 20 euro». «A me è accaduto martedì – aggiunge Sara di Mirano – Due cancellazioni e 4 ore di attesa complessiva, tra Mogliano, Mestre e Padova, per aver perso varie coincidenze». Va peggio per gli utenti della linea Venezia-Portogruaro, dove sono in corso lavori di manutenzione. Un lettore ci ha scritto nei giorni scorsi per raccontare la vera e propria odissea di un centinaio di viaggiatori del treno delle 0.36 del 7 luglio scorso da Venezia: soppresso il convoglio senza nessun avviso (anzi, nonostante precisa comunicazione contraria dei dirigenti di Trenitalia) sono stati costretti a farsi venire a prendere dai familiari da decine di chilometri di distanza in piena notte, mentre alcuni turisti si sono messi a dormire in stazione: solo dietro solleciti della Polizia ferroviaria alle 3.05 è comparso a Piazzale Roma un mezzo sostitutivo, con ben… 19 posti.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui