Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Patto tra Regione, sindacati e categorie contro i marchi contraffatti

STRA. Un tavolo di confronto per contrastare il lavoro irregolare e la contraffazione. Questo il risultato di due incontri che si sono tenuti in Regione a Venezia e nella sede dell’Acrib a Stra. Il tavolo per la lotta alla contraffazione non interessa solo il settore calzaturiero, ma anche il vetro, l’occhialeria. Agli incontri in Regione e all’Acrib hanno partecipato Unioncamere, le Camere di Commercio di Padova e Venezia, le associazioni dei Consumatori e Cgil – Cisl – Uil del Veneto.

A dare notizia dei risultati raggiunti è il segretario provinciale della Femca Cisl Massimo Meneghetti. «Come sindacati – dice Meneghetti- abbiamo fatto una serie di proposte che sono state raccolte dall’assessore Donazzan. Si opererà perciò su 3 direttrici: il tavolo si dovrà convocare periodicamente. Poi va costruito un “Grande Patto tra produttori e consumatori” che definisca le linee guida per contrastare tale fenomeno. Vanno poi coinvolte le Prefetture e gli organi ispettivi per realizzare nel territorio una forte azione di repressione. La merce “irregolare” andrà sequestrata, distrutta o eventualmente donata alla Caritas. Va applicato integralmente il nuovo DL “Destinazione Italia” con pene e sanzioni molto più severe, nei confronti di chi si macchia di tale reato». Ma non solo. «Si è deciso – continua Meneghetti – che va costruito un fronte comune con le associazioni dei consumatori per informare i cittadini e formare cultura del Made in Italy e Made in Riviera del Brenta». La Regione Veneto si e’ impegnata a sostenere anche finanziariamente tale “Patto”. Intanto continueranno sul territorio rivierasco i controlli di carabinieri ispettori del lavoro e Spsal per chiudere o sanzionare eventuali laboratori clandestini con lavoratori in nero e condizioni di lavoro inaccettabili.

(a.ab.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui